cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 20:37
Temi caldi

Ambiente: un mare di proiettili sul fondale di Torre Veneri, nel Sic un poligono (2)

23 giugno 2014 | 15.07
LETTURA: 1 minuti

Legambiente Puglia, bossoli e cartucce sul fondale inquinato da materiali ferrosi

(Adnkronos) - La conferma arriva anche da Legambiente: "il fondale di quest'area è pieno di bossoli e cartucce e non è mai stato bonificato: è una discarica", dice all'Adnkronos Maurizio Manna, direttore Legambiente Puglia. Un fondale, quindi, "altamente inquinato da materiali ferrosi e non compatibile con la tutela ambientale, dove tra l'altro, in violazione dell'area militare, entrano imbarcazioni, sia per pescare che per raccogliere questi materiali".

"L'area - continua Manna - andrebbe bonificata e bisognerebbe anche valutare l'opportunità di continuare ad avere, nel Salento, aree destinate alle attività militari, sottratte alla collettività", sottolinea Manna. Nella relazione definitiva del 9 gennaio 2013 della Commissione parlamentare di inchiesta del Senato sul problema del materiale bellico pericoloso, si ribadisce che "nella realtà di Torre Veneri è stata verificata la presenza di zone dove si sono accumulati residuati delle attività di esercitazione, che richiedono presumibilmente importanti interventi di bonifica, finora evidentemente non attuati, sia a terra sia nel mare circostante. Dai sopralluoghi tecnici svolti è emersa una scarsa osservanza del disciplinare per la tutela ambientale e la bonifica".

"Nell'Area Bersaglio Carri - continua la relazione - non risulta che sia asportato il materiale di risulta prodotto dall'esplosione dei colpi in arrivo, e durante le analisi è stata rinvenuta sul terreno una notevole quantità di materiale inerte affiorante. Per quanto concerne l'area marina, le immersioni subacquee effettuate hanno evidenziato la presenza di numerosi relitti inerti, di proiettili da esercitazione, di un barcone metallico e di penetratori. Dalle informazioni raccolte risulterebbe altresì che l'area sia marina sia terrestre, attualmente interdetta, sarebbe frequentata da recuperanti clandestini di metalli per scopi commerciali".(segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza