cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 20:47
Temi caldi

Salute: 'resiste' cuore italiani, ma 30 mln bocciati in stile vita (2)

29 maggio 2014 | 13.00
LETTURA: 1 minuti

(Adnkronos Salute) - Tuttavia lo studio rivela non poche ombre nella salute del cuore degli italiani. Negli ultimi dieci anni, infatti, i nostri connazionali sono diventati 'extralarge': più grassi, con il girovita aumentato, i valori del colesterolo che sforano i limiti e la percentuale di obesi ormai sopra al 25% negli uomini e nelle donne. Ad allarmare gli esperti sono soprattutto le pessime abitudini degli italiani che, 'allergici' a uno stile di vita sano, rischiano di compromettere in futuro la salute del loro cuore.

"L'indagine - spiega Francesco Bovenzi, presidente Anmco - per la prima volta ha misurato le abitudini alimentari e valutato la prevalenza della combinazione di più stili di vita sani: astensione dal fumo, attività fisica e abitudini alimentari corrette, evidenziando che pochissimi sono gli italiani virtuosi che seguono almeno 7 delle dieci regole d'oro per uno stile di vita salvacuore".

Scarsa è infatti l'aderenza a tavola a uno stile di vita sano: "Solo un terzo degli italiani - spiega Diego Vanuzzo, responsabile del Centro di prevenzione cardiovascolare di Udine e co-direttore per l'Anmco dell'Osservatorio epidemiologico cardiovascolare - consuma una quantità di verdura e pesce adeguata e solo il 15% degli italiani mangia dolci secondo le raccomandazioni. Va meglio il consumo di frutta, con circa la metà degli italiani che mangia le 2-3 porzioni quotidiane consigliate, e quello adeguato di formaggi limitato a 3 porzioni settimanali. Resta inoltre alta la sedentarietà, con il 32% degli uomini e il 41% delle donne che non pratica alcuna attività fisica nel tempo libero. E' invece in calo consistente la prevalenza dei fumatori fra gli uomini (23% contro il 32% del 1998-2002) e tende alla diminuzione anche il numero delle donne (20% contro il 22% di 10 anni fa)". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza