cerca CERCA
Domenica 02 Ottobre 2022
Aggiornato: 13:06
Temi caldi

Toscana: Asl Firenze, 11 donatori da inizio 2014

30 maggio 2014 | 17.31
LETTURA: 1 minuti

Firenze, 30 mag. (Adnkronos Salute) - Una nuova speranza di vita per 12 persone: sono i pazienti ai quali è stato donato un organo nei primi 5 mesi di quest'anno negli ospedali dell'Asl di Firenze. Sono stati 11 i donatori, deceduti in uno dei reparti di rianimazione degli ospedali dell'azienda sanitaria fiorentina, a cui è stato possibile espiantare organi o tessuti. Per 8 di loro si è potuto procedere a un prelievo multiorgano, e di questi, 7 sono stati eseguiti nell'ultimo mese e mezzo. In 6 dei 12 pazienti che erano in lista di attesa è stato possibile procedere con un trapianto di rene, altri 5 hanno ricevuto il fegato, uno il polmone.

"In questi primi mesi dell'anno - commenta Alessandro Pacini, direttore della Struttura donazioni e trapianti dell'Asf - c'è stato un incremento dell'attività di prelievo di organi e tessuti, a dimostrazione della particolare sensibilità e generosità dei cittadini ed attenzione degli operatori sanitari dei vari presidi ospedalieri". L'ospedale nel cui reparto di rianimazione è stato individuato il maggior numero di potenziali donatori è stato il San Giovanni di Dio, dove sono state 6 le persone che avevano espresso la volontà di un gesto generoso al momento della morte. A Santa Maria Nuova i donatori sono stati 3, e 2 quelli deceduti nella Rianimazione di Ponte a Niccheri. Alle 11 persone che hanno deciso di donare nei primi 5 mesi del 2014 si aggiungono altri 19 donatori di cornea che hanno permesso il trapianto ad altrettanti pazienti in lista di attesa.

"Vogliamo esprimere un ringraziamento particolare a tutte le famiglie che hanno acconsentito alla donazione degli organi e tessuti dei propri cari per la generosità dimostrata - conclude Pacini - Ed estendere tale ringraziamento ai medici e infermieri dei reparti sedi di donazione e a quelli del gruppo operativo del Coordinamento aziendale per l'impegno e la sensibilità".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza