cerca CERCA
Venerdì 12 Luglio 2024
Aggiornato: 12:44
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Il ritorno dei pidocchi, da Londra a Milano è allarme nelle scuole

L'epidemia colpisce soprattutto in quelle dell'infanzia e nelle primarie. In Uk a metà settembre un clic ogni 39 secondi nella pagina web dedicata dal Servizio sanitario nazionale

Bimba sotto ispezione pidocchi -
Bimba sotto ispezione pidocchi - 123RF
17 ottobre 2023 | 14.20
LETTURA: 2 minuti

A poco più di un mese dall'apertura delle scuole scatta l'allarme pidocchi. "Casi di pediculosi in classe", è fra i messaggi frequentemente presenti in questi giorni nelle bacheche delle scuole, in particolare quelle dell'infanzia e le primarie, e quando approda nelle chat dei genitori può generare panico. Era atteso, visto che l'estate appena archiviata è stata intensa dal punto di vista delle infestazioni e questi ospiti indesiderati non hanno risparmiato i bambini neanche sotto l'ombrellone, come segnalato dai pediatri in diverse località turistiche.

I primi casi nel Regno Unito

Il problema è comune anche fuori dai confini nazionali. Quando si parla di pidocchi, infatti, tutto il mondo è paese. E proprio a fine settembre, per esempio, un monito lo avevano lanciato alle famiglie gli infermieri scolastici del Regno Unito, in un servizio pubblicato sulla rivista 'Nursing Times'. "Siate vigili, perché sono in aumento", il messaggio.

Secondo dati del Nhs (il Servizio sanitario nazionale) England, diffusi in una nota, tra il 15 e il 21 settembre ci sono state oltre 12.700 visite alla pagina di consulenza sanitaria dedicata a pidocchi e lendini, il 34% in più di quelle effettuate tra l'1 e il 7 settembre. Il picco è stato raggiunto il 18 settembre, quando in pratica si è viaggiato al ritmo di un clic ogni 39 secondi, per un totale di 2.196 accessi in un giorno. Questo aumento di interesse per il tema coincide con l'inizio dell'anno scolastico, era l'analisi degli esperti, il che indica che alcune scuole potrebbero essere state colpite da un'epidemia di pidocchi dopo le vacanze estive.

"Sono un problema comune, soprattutto tra i bambini piccoli e le famiglie a stretto contatto tra loro", ha commentato la responsabile infermieristica per l'Inghilterra, Dame Ruth May. "Una volta rilevati, non è necessario consultare un medico di famiglia, ma il trattamento dovrebbe iniziare immediatamente e tutti i membri della famiglia dovrebbero essere controllati e trattati per fermare un'ulteriore diffusione".

"In Italia la situazione peggiorerà"

La situazione, anche in Italia, "peggiorerà con l'arrivo della stagione fredda e la maggior permanenza nelle aule", avverte il pediatra Italo Farnetani, sentito dall'Adnkronos Salute. "Le belle giornate con le alte temperature hanno finora facilitato la vita all'aria aperta e ridotto un po' le possibilità di trasmissione. E ancora non vengono usati guanti, cappelli e sciarpe, che sono un tradizionale veicolo di contagio. Indipendentemente dalla numerosità dei casi, resta però sempre valido e da raccomandare il controllo settimanale, da fare il sabato per avere il tempo tecnico per intervenire".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza