cerca CERCA
Lunedì 22 Luglio 2024
Aggiornato: 18:55
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Sanità: epatite C, al via in Basilicata screening gratuito per il virus Hcv

Sanità: epatite C, al via in Basilicata screening gratuito per il virus Hcv
13 ottobre 2023 | 18.12
LETTURA: 3 minuti

Parte in Basilicata la campagna 'C devi pensare' per lo screening gratuito del virus Hcv, prima causa dell'epatite C, dedicata ai cittadini residenti in regione con un'età compresa tra i 34 e i 54 anni. Sottoporsi al test è facile. Non occorre prescrizione medica. Come è stato spiegato oggi nel corso di una conferenza stampa a Potenza, basta rivolgersi al medico curante o nelle farmacie aderenti all'iniziativa. Si tratta di un prelievo di sangue capillare dalla punta di un dito che, in una ventina di minuti, rileverà la presenza del virus. 

"Il nome della campagna è emblematico e pertinente - afferma l'assessore alla Salute e Politiche della persona, Francesco Fanelli - e purtroppo ancora oggi c'è poca conoscenza e sensibilità sul tema. L'epatite C è un'infezione pericolosa perché la malattia spesso decorre senza sintomi per anni, ma col tempo può diventare cronica ed evolvere in forme molto gravi e progressive che vanno dalla cirrosi al cancro al fegato. Pertanto dobbiamo davvero pensarci. Il cittadino lucano deve sapere che in Basilicata esiste uno screening gratuito e facilmente reperibile e il test è molto rapido, veloce e immediato". Lo screening "è uno strumento prezioso - sottolinea Fanelli - per individuare le infezioni da epatite C che spesso possono essere asintomatiche, il cosiddetto 'sommerso'. Invito i cittadini a partecipare alla campagna di screening poiché è importante - ribadisce l'assessore - avere una diagnosi precoce e avviare i pazienti al trattamento più adeguato al fine di scongiurare le complicazioni della malattia, oltre che ad interrompere la circolazione del virus e impedire così nuove infezioni. La Regione è perfettamente allineata al programma ministeriale e alle disposizioni nazionali in materia". 

Il vaccino per l'epatite C non esiste ancora, ma il virus si può eradicare se diagnosticato precocemente con terapie mirate fino alla completa guarigione. "La campagna di screening - ricorda Fanelli - rientra nel solco di tutte quelle attività di programmazione sanitaria che stiamo introducendo, volte al miglioramento globale della salute pubblica e dell'informazione e sensibilizzazione dei cittadini su patologie spesso sottovalutate, perché poco conosciute, in collaborazione con le aziende sanitarie di Potenza e Matera, con Federfarma Basilicata e con i medici di medicina generale. L'obiettivo - conclude - è quello di incrementare l'offerta di screening ed estendere il programma di prevenzione e cura a un numero sempre maggiore di cittadini aventi diritto, e centrare tutti gli obiettivi previsti dal programma nazionale e regionale entro il 2025".

Nel suo intervento, il direttore generale dell'Asp, Azienda sanitaria di Potenza, Antonello Maraldo, ha ricordato che "il nostro ruolo è quello di essere volano e propulsore di un progetto nel quale crediamo profondamente.  Dopo un periodo in cui c'è stata poca attenzione al progetto - osserva - ci siamo impegnati a portare negli studi dei medici di medicina generale i kit, naturalmente in misura adeguata a quelli che sono gli assistiti di ciascuno. La stessa cosa stiamo facendo con le farmacie territoriali, che sono l'altra 'gamba' del sistema, per realizzare una campagna di screening molto importante per la popolazione".

In presenza del virus Hcv nel sangue, il medico di base prescriverà la visita dallo specialista che seguirà il paziente e consiglierà le cure adeguate. "Le aziende sanitarie - evidenzia Salvatore Tardi, dirigente dell'Asm, Azienda sanitaria di Matera - hanno individuato da tempo gli specialisti epatologi (Rocco Clemente per l'Asm e Nello Buccianti, responsabile del reparto di Gastroenterologia del San Carlo) che saranno punto di riferimento per i medici di medicina generale, per poter valutare i pazienti e stabilire quali di essi siano idonei per un eventuale trattamento terapeutico che possa eradicare la patologia".

All'incontro con la stampa erano presenti anche Antonio Santangelo, segretario regionale della Fimmg; Antonio Guerricchio, presidente di Federfarma Basilicata, e Carlo Claps, presidente di Federfarma Potenza, che hanno evidenziato le fasi della campagna di screening, dall'esecuzione dei test fino alla presa in carico del paziente. 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza