cerca CERCA
Domenica 21 Luglio 2024
Aggiornato: 00:38
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Anche il Fisco va in vacanza: sospensione feriale dei termini al via dal 1° agosto 2023

Parte dal 1° agosto la sospensione feriale dei termini fiscali, relativa a versamenti, adempimenti ma non solo. Fino al 4 settembre restano in standby le scadenze relative agli avvisi bonari e all’invio di documentazione a seguito di controlli dell’Agenzia delle Entrate

Anche il Fisco va in vacanza: sospensione feriale dei termini al via dal 1° agosto 2023
25 luglio 2023 | 13.27
LETTURA: 3 minuti

Stop a scadenze e adempimenti ad agosto: parte dal primo del mese la sospensione feriale dei termini.

Dal 1° al 20 agosto restano congelati i termini relativi ai pagamenti delle imposte, così come quelli relativi agli adempimenti fiscali.

La tregua estiva sarà più lunga per quel che riguarda gli avvisi bonari: fino al 4 settembre è sospeso il termine di 30 giorni per il pagamento delle somme dovute, stessa tempistica anche per l’invio di informazioni e documenti a seguito di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

La sospensione feriale si applica anche ai termini del contenzioso tributario, dal 1° al 31 agosto.

Sospensione feriale dei termini fiscali dal 1° al 20 agosto 2023

Niente adempimenti e versamenti nel mese di agosto. Il calendario delle scadenze del periodo estivo si presenta più snello per effetto della sospensione feriale dei termini, che comporta il rinvio automatico di tutti gli appuntamenti con il Fisco previsti nel periodo dal 1° al 20 agosto 2023.

A livello operativo, lo stop feriale consente ai contribuenti di effettuare entro il 20 agosto tutti gli adempimenti e i versamenti dovuti a partire dal 1° agosto. Per l’anno in corso la scadenza da tenere a mente è differita ulteriormente di un giorno, cadendo di domenica. In sostanza, si tornerà a fare i conti con il Fisco a partire da lunedì 21 agosto.

Sospensione estiva anche per i controlli fiscali fino al 4 settembre 2023

La tregua estiva si applica anche ai controlli fiscali effettuati dall’Agenzia delle Entrate.

Nel periodo dal 1° agosto e fino al 4 settembre restano infatti congelati i termini per la trasmissione di documenti e informazioni, ad eccezione di quelli relativi a richieste effettuate nel corso di attività di accesso, ispezione e verifica e delle procedure di rimborso IVA.

Lo stop fino al 4 settembre si applica anche in relazione agli avvisi bonari, per i quali nel corso del periodo della sospensione feriale resta congelato il termine di pagamento di 30 giorni.

A seguito del confronto tra Agenzia delle Entrate e Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, è stato previsto che ci sarà più tempo a disposizione per quel che riguarda i controlli in corso in queste settimane relativi alle dichiarazioni dei redditi del periodo d’imposta 2020, così come per le lettere di compliance relative all’applicazione degli ISA nel triennio dal 2019 al 2021. Sarà necessario dare seguito alle segnalazioni dell’Agenzia delle Entrate entro il 15 settembre 2023.

Stop anche al contenzioso tributario dal 1° al 31 agosto

Allo stop estivo del Fisco si affianca quello relativo ai termini processuali.

Anche nell’ambito del contenzioso tributario la sospensione si applica dal 1° al 31 agosto e i termini da rispettare torneranno a decorrere a partire dal 1° settembre.

Una breve tregua dal Fisco ad ampio raggio, per riprendere fiato e prepararsi alle importanti scadenze di autunno e inverno.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza