cerca CERCA
Sabato 20 Luglio 2024
Aggiornato: 02:43
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Bonus acqua potabile: come richiederlo all’Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio 2024

Bonus acqua potabile: come richiederlo all’Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio 2024
06 febbraio 2024 | 17.36
LETTURA: 3 minuti

Ultima chance per ottenere il bonus acqua potabile: chi ha sostenuto durante lo scorso anno costi fino a 5.000 euro per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento o addizione di anidride carbonica può richiedere all’Agenzia delle Entrate un credito d’imposta del 50 per cento. C’è tempo fino alla scadenza del 28 febbraio.

Ultima chiamata per il bonus acqua potabile: coloro che hanno sostenuto delle spese per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento o addizione di anidride carbonica possono richiedere all’Agenzia delle Entrate un credito d’imposta pari al 50 per cento dei costi sostenuti fino a un massimo di 1.000 euro, limite che sale a 5.000 euro per le attività commerciali.

Dal 1° febbraio è possibile presentare domanda utilizzando il servizio online attivo sul portale e c’è tempo fino alla scadenza del 28 febbraio.

L’agevolazione non è stata confermata per il 2024. A disposizione per il 2023, ultimo anno utile, ci sono 1,5 milioni di euro: sulla base della dotazione disponibile e delle domande inviate dai contribuenti l’Amministrazione finanziaria stabilirà il valore effettivo del bonus acqua potabile.

Chi ha diritto al bonus dell'acqua?

Il credito d’imposta legato all’acquisto e all’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento o addizione di anidride carbonica può essere richiesto sia per le abitazioni che per gli immobili adibiti ad attività commerciali o istituzionali.

L’agevolazione introdotta dall’articolo 1, commi da 1087 a 1089, della Legge di Bilancio 2021 è destinata a diverse categorie:

● persone fisiche;

● soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni;

● enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

Per recuperare parte dei costi sostenuti tramite il bonus acqua potabile, basta avere a disposizione i documenti che dimostrano di aver effettuato le spese che danno diritto al credito d’imposta.

L’importo indicato in fase di domanda deve essere documentato da una fattura elettronica o da un documento commerciale con il codice fiscale del soggetto che richiede il credito.

I privati cittadini, e più in generale i soggetti diversi da quelli che esercitano attività d’impresa in regime di contabilità ordinaria, devono aver effettuato il pagamento con versamento bancario o postale o con altri sistemi di pagamento diversi dai contanti.

Come richiedere all’Agenzia delle Entrate il bonus acqua potabile?

La domanda per ottenere il bonus acqua potabile può essere presentata tramite il servizio online attivo sul portale dell’Agenzia delle Entrate al seguente percorso:

● Servizi;

● Agevolazioni;

● Credito d’imposta per il miglioramento dell’acqua potabile.

In alternativa è possibile utilizzare i canali telematici, sottoponendo i file da inviare ai controlli di conformità tramite il software dell’Agenzia delle Entrate.

Una volta inoltrata la domanda, il sistema entro 10 giorni invia una ricevuta con la notizia della presa in carico o dello scarto dell’istanza.

In caso di esito positivo, coloro che hanno richiesto il bonus acqua potabile all’Agenzia delle Entrate otterranno un credito d’imposta effettivamente pari al 50 per cento solo se ci saranno fondi a sufficienza per le domande ricevute. In caso contrario il valore sarà calcolato sulla base del rapporto tra risorse e importi richiesti.

L’Agenzia delle Entrate, quindi, stabilirà con certezza la misura del bonus acqua potabile solo dopo la chiusura della finestra temporale per la presentazione delle domande con un provvedimento da adottare entro il 31 marzo.

Il credito d’imposta potrà essere utilizzato in compensazione tramite il modello F24 e le persone fisiche potranno utilizzarlo anche tramite la dichiarazione dei redditi riferita all’anno della spesa e agli anni successivi fino al completo utilizzo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza