cerca CERCA
Domenica 14 Luglio 2024
Aggiornato: 00:04
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Covid, varianti Eris e Pirola non provocano malattia più grave

Anziani e fragili restano a rischio

Una dose di vaccino covid
Una dose di vaccino covid
21 settembre 2023 | 21.42
LETTURA: 3 minuti

Le nuove varianti del covid, in particolare Pirola e Eris, non sembrano provocare sintomi diversi da quelli già conosciuti: mal di gola e febbre, raffreddore e spossatezza, mal di testa e eventuale assenza di olfatto e gusto. L'aumento dei contagi legato alle mutazioni più recenti, quindi, non dovrebbe produrre una malattia più grave.

"Per ora non vi è assolutamente alcuna indicazione che l'infezione" con le nuove varianti di Sars-CoV-2 "possa causare malattie più gravi, o rendere i vaccini meno efficaci contro la malattia grave rispetto alle varianti precedentemente circolate", dice Andrea Ammon, direttrice dell'Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, in una conferenza stampa tenuta insieme al direttore esecutivo dell'Agenzia europea del farmaco Ema, Emer Cooke. "Tuttavia - puntualizza - le persone più anziane e quelle con patologie preesistenti corrono comunque un rischio più elevato di andare incontro a esiti gravi se vengono infettate" e colpite da Covid-19.

"A inizio settembre -riporta la direttrice dell'Ecdc - è stata segnalata una trasmissione di Sars-CoV-2 in crescita in più della metà dei Paesi dell'Ue/Spazio economico europeo. Fortunatamente il livello di malattie gravi e di morte era ancora relativamente basso. E' importante riservare un'attenzione particolare al Covid-19 nelle fasce d'età più avanzate. E vediamo che 9 su 16 Paesi che riportano i conteggi dei casi divisi per età hanno visto aumentare i numeri negli over 80, e 12 su 16 hanno osservato una crescita nelle persone dai 65 anni in su" per più settimane. "I decessi Covid in termini assoluti rimangono bassi rispetto ai livelli riportati in precedenza durante la pandemia, tuttavia - ha aggiunto Ammon - 4 su 12 Paesi con dati specifici hanno segnalato di recente dei piccoli aumenti nei morti fra gli over 65".

La crescita del contagio da Sars-CoV-2,continua la numero uno dell'Ecdc, "coincide anche con l'avvento e il predominio di un gruppo di sottovarianti Omicron denominate 'XBB.1.5-like'", varianti simili a Kraken, "portatrici della mutazione F456L. Inoltre ad agosto è stato rilevato sporadicamente un nuovo sottolignaggio Omicron, BA.2.86", battezzato sui social Pirola, "all'interno dell'Ue/See e fuori. E sebbene siano stati confermati solo pochi casi a livello globale, possiamo sospettare, dal momento che questi casi sono abbastanza dispersi, che vi sia una trasmissione comunitaria a basso livello di questa variante in più Paesi. Si tratta di una variante abbastanza divergente da quelle attualmente in circolazione, il che potrebbe portare a un aumento delle reinfezioni".

"I nostri modelli hanno mostrato che una campagna vaccinale anti-Covid con un'elevata adesione, rivolta a persone di età dai 60 anni in su, potrebbe prevenire circa il 21-32% di tutti i ricoveri correlati a Covid nell'Ue/Spazio economico europeo fino al 24 febbraio", è la stima diffusa da Ammon.

"Covid-19, influenza e virus respiratorio sinciziale" Rsv "rimangono sfide significative per la salute pubblica. Insieme chiediamo a tutti i cittadini dell'Unione europea che appartengono alle categorie a rischio e sono candidabili alla vaccinazione: per favore, fate i vaccini che le autorità sanitarie pubbliche Ue rendono disponibili per voi", l'appello lanciato da Cooke.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza