cerca CERCA
Domenica 26 Maggio 2024
Aggiornato: 19:04
10 ultim'ora BREAKING NEWS

"Lei è ebrea?", bufera su giornalista Rai per la domanda alla senatrice Ester Mieli

Fratelli d'Italia solleva la polemica dopo le parole di Giorgio Zanchini, conduttore di Radio Anch’io su Radio Uno. L'ad Sergio chiama la senatrice per porgere le scuse

La senatrice FdI Ester Mieli
La senatrice FdI Ester Mieli
24 aprile 2024 | 12.08
LETTURA: 6 minuti

"Lei è ebrea?". E' bufera sulla domanda fatta dal conduttore Giorgio Zanchini alla senatrice di Fratelli d'Italia Ester Mieli durante la trasmissione Radio Anch’io su Radio 1, dedicata oggi agli scontri degli ultimi giorni tra manifestanti pro Palestina e le forze dell'ordine. A sollevare la polemica i componenti di Fratelli d’Italia nella Commissione di Vigilanza sulla Rai in una nota. L’Amministratore Delegato della Rai Roberto Sergio - a quanto apprende l'Adnkronos - ha contattato telefonicamente la Senatrice per porgere le proprie scuse.

Solidarietà anche dalla presidente della commissione di vigilanza Rai Barbara Floridia. "A nome di tutta la commissione di vigilanza, all'unanimità, esprimo piena solidarietà alla senatrice Ester Mieli per quanto accaduto questa mattina in una trasmissione radiofonica della Rai. Sentirsi rivolgere una domanda diretta sulla propria fede religiosa rappresenta una violazione della sfera più intima, resa ancora più grave dall'intenzione, da parte del giornalista, di connettere l'opinione della collega al suo credo religioso".

Secondo l'associazione Giornaliste Italiane, "Ester Mieli ha chiesto al conduttore il perché di questa domanda, che mai avremmo immaginato di dover ascoltare in una rete del servizio pubblico, ricordandogli di essere una cittadina italiana e senatrice della Repubblica. Le spiegazioni di Zanchini per motivare questa surreale scelta, francamente, non le abbiamo proprio capite". "Auspichiamo un intervento tempestivo della Rai, una presa di posizione chiara e immediata da parte degli organi di rappresentanza, a partire dalla Fnsi e dall'Odg, e che venga fatta chiarezza sul caso perché simili episodi non possono passare sotto silenzio. L'associazione Giornaliste Italiane ritiene gravissimo quanto accaduto e ribadisce vicinanza ad Ester Mieli", conclude la nota.

La nota Fdi

“Esprimiamo solidarietà alla senatrice Ester Mieli, che questa mattina in apertura del suo collegamento alla trasmissione Radio Anch’io si è vista chiedere dal conduttore, Giorgio Zanchini, se lei fosse ebrea. Una richiesta che, oltre riportare alla mente lugubri ricordi, è inaccettabile e intollerabile specie in un momento quale questo pervaso da un antisemitismo sempre più dilagante, alimentato all’interno delle Università da estremisti di sinistra verso cui ancora attendiamo parole di condanna da parte della sinistra e in particolare del Pd e di Elly Schlein. Alla collega Mieli rinnoviamo la nostra solidarietà, e ci auguriamo che queste nostre parole siano seguite da quelle di tutte le altre forze politiche”, si legge in una nota degli esponenti di Fratelli d’Italia in Commissione di Vigilanza .

Dal canto suo il presidente di Noi Moderati e componente della Vigilanza, Maurizio Lupi, “invita il conduttore Giorgio Zanchini a scusarsi pubblicamente ed a spiegare le ragioni di quella domanda così inopportuna. Ci auguriamo che la solidarietà ad Ester Mieli sia unanime e senza distinguo da parte della Sinistra”.

Solidarietà della politica

Messaggio di solidarietà anche dal presidente dei senatori di Forza Italia Maurizio Gasparri, secondo il quale "non si capisce con quale intento" si stata fatta la domanda. "Forse quello di connotare le sue opinioni in merito ai fatti in corso in Italia o in Medio Oriente? Una condotta incredibile, che potrebbe denotare una sorta di pregiudizio o quanto meno una inadeguata professionalità. Un episodio grave ed inquietante. Sul quale la Rai dovrebbe intervenire con immediatezza". "Alla vigilia del 25 aprile - aggiunge Gasparri - si tratta di una vicenda sconcertante. Ora quando si partecipa ad una trasmissione Rai si dovrà indicare prima l’eventuale confessione religiosa o altri dati? E poi se ci sono troppi cristiani, troppi ebrei o troppi musulmani si faranno ‘dosaggi’ o esclusioni? C’è chi parla di un episodio di antisemitismo. Certo di questo grave scandalo si dovrà discutere a fondo”, conclude l'azzurro.

“La commissione di Vigilanza Rai si esprima unanimemente per stigmatizzare quanto accaduto questa mattina nella trasmissione Radio Anch’io. Piena solidarietà a Ester Mieli”, ha chiesto la deputata di Italia Viva Maria Elena Boschi, vicepresidente della commissione di vigilanza Rai, in merito alla domanda 'Lei è ebrea?'r ivolta alla senatrice di Fratelli d’Italia. “Un parlamentare della Repubblica giudica le proteste nelle università e nelle piazze sulla base della politica e della legge, nulla c’entra la religione che si professa. Stupisce pertanto la richiesta del giornalista di esplicitare la propria confessione prima di commentare i fatti di questi giorni”, conclude.

Secondo il presidente del Senato, Ignazio La Russa "è davvero grave e inquietante quanto avvenuto stamattina alla senatrice di Fratelli d’Italia Ester Mieli, ospite di un programma radiofonico della Rai. Da settimane si susseguono in tutta Italia manifestazioni di intolleranza nei confronti di Israele e degli ebrei e una domanda come quella posta dal conduttore è del tutto inaccettabile. L’opinione di una persona non può in alcun modo essere collegata alla religione professata. All’amica Ester Mieli e alla comunità ebraica giunga la mia sincera solidarietà e affettuosa vicinanza".

Sulla stessa linea il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano: " Chiedere alla senatrice Mieli se fosse di religione ebraica rimanda a pagine tragiche e oscure della storia del Novecento, quando ai fratelli ebrei si imponeva la stella gialla. Quello che è accaduto in Rai si inserisce in una cornice inquietante perché assistiamo in Italia e in Europa a un pericoloso riemergere dell’antisemitismo e di sentimenti di odio che pensavamo finiti. La domanda fatta dal conduttore è inaccettabile e inopportuna. Conosco e apprezzo da tempo la senatrice Mieli, persona colta e gentile, insieme abbiamo lavorato e lavoreremo per il museo della Shoah. Abbiamo realizzato con la senatrice Mieli sia il totem al binario 21 della stazione di Milano lo scorso anno, alla cui inaugurazione partecipò anche la senatrice Liliana Segre, sia quello alla stazione Tiburtina nelle scorse settimane".

"Tutta la mia solidarietà alla senatrice di Fratelli d'Italia Ester Mieli per quanto accaduto questa mattina. Un episodio inaccettabile che appare ancor più grave dato il momento delicato e complesso a cui stiamo assistendo. A lei e alla sua famiglia giunga la mia più sincera vicinanza", dichiara il ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida.

“Se sei una donna senatrice di Fratelli d’Italia e per di più ebrea tutto è lecito. Quanto accaduto oggi alla senatrice Mieli nel corso della trasmissione radiofonica, che non nomino per non dare ulteriore visibilità, non solo è agghiacciante ma soprattutto deprimente. Un brutto episodio da condannare, senza se e senza ma, frutto di un clima d’odio sempre più inquietante che la sinistra contribuisce ad esasperare giorno dopo giorno. Massima solidarietà e vicinanza ad Ester Mieli”. Così il ministro del Turismo Daniela Santanchè.

La reazione della comunità ebraica

"Chiedere a una senatrice o a chiunque se è ebreo, buddista o musulmano è una cosa terribile", afferma il presidente della Comunità ebraica di Milano, Walker Meghnagi, commentando all'Adnkronos l'episodio avvenuto questa mattina durante la trasmissione 'Radio Anch'io', in cui è stato chiesto alla senatrice di Fdi Ester Mieli se fosse ebrea.

"Una persona può essere di qualsiasi religione e rispettare qualsiasi religione. Cosa ne ricava a chiedere se è ebrea o buddista? Non cambia niente, questa è un'offesa gravissima", evidenzia il presidente della comunità ebraica milanese.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza