cerca CERCA
Giovedì 18 Luglio 2024
Aggiornato: 05:11
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Premierato, via libera Senato all'art. 5 del ddl Casellati: cosa prevede. Opposizioni protestano

"Bavaglio al Parlamento", "Bavaglio alla democrazia", "E' subito Pera", le scritte sui cartelli mostrati da Pd, M5S e Avs in Aula, prima di abbandonarla

Cartelli di protesta in Senato contro il premierato - Adnkronos
Cartelli di protesta in Senato contro il premierato - Adnkronos
12 giugno 2024 | 13.02
LETTURA: 3 minuti

L'Aula del Senato ha votato a favore dell'art. 5 del ddl Casellati che introduce in Costituzione l'elezione diretta del presidente del Consiglio. Un voto che ha visto i senatori del Pd, del M5S di Avs e anche renziani e calendiani abbandonare per protesta l'Aula. I senatori, nel Transatlantico di Palazzo Madama, mostrano i cartelli già esposti in Aula. Tra questi alcuni che richiamano frasi di Giacomo Matteotti come "Parlamentarmente", "A me no", ma anche "Bavaglio alla democrazia", "Parlamento con il bavaglio".

Art. 5 del ddl Casellati: cosa prevede

L'articolo 5, approvato per alzata di mano, era stato modificato nel corso dell’e­same in Commissione e sostituisce l'articolo 92 della Costituzione, introducendo la previsione dell’ele­zione del presidente del Consiglio dei mini­stri a suffragio universale e diretto per cin­que anni, fissando un limite al numero dei mandati. Viene stabilito che il presidente del Consiglio possa essere eletto per non più di due legislature consecutive, elevate a tre qualora, nelle precedenti, abbia ricoperto l’incarico per un periodo inferiore a sette anni e sei mesi. Si dispone altresì che le elezioni delle Ca­mere e del presidente del Consiglio abbiano luogo contestualmente.

Si rinvia alla legge la disciplina del si­stema per l’elezione delle Camere e del pre­sidente del Consiglio dei ministri, preve­dendo l’assegnazione di un premio su base nazionale che garantisca, in ciascuna delle Camere, una maggioranza dei seggi alle liste e ai candidati collegati al presidente del Consiglio eletto, fermo restando il rispetto del principio di rappresentatività e di tutela delle minoranze linguistiche. Nel testo si prevede inoltre che il presidente del Consiglio sia eletto nella Camera nella quale abbia presentato la sua candidatura. In base all’ultimo comma del nuovo arti­colo 92, il Presidente della Repubblica con­ferisce l’incarico di formare il governo al presidente del Consiglio eletto e, su propo­sta di quest’ultimo, nomina e revoca i ministri.

La protesta in Senato, Aula sospesa

"Bavaglio al Parlamento", "Bavaglio alla democrazia" e anche "E' subito Pera". E' quanto si leggeva nei cartelli mostrati nell'Aula del Senato dal Pd e da altri esponenti di M5S e di Avs, prima del voto sull'esame dell'art.5 del ddl Casellati sul premierato. Una protesta che ha visto poi uscire dall'Aula tutte le opposizioni, a parte i calendiani, dopo la sospensione dell'Aula.

“Fermatevi sull’articolo 5. Prima delle europee speravamo che fosse colpa della campagna elettorale, e poi c’erano esponenti di maggioranza che provavano a interloquire. Oggi la maggioranza è in silenzio assordante. E’ l’obbedienza di una maggioranza che fa le prove generali dell’umiliazione del Parlamento. Non abbiamo più tempo e prendiamo atto che la nostra richiesta di averne di più non è stata accolta. Non è possibile non aver più tempo a disposizione per discutere dell’articolo che riguarda la elezione diretta del presidente del consiglio. Per questo chiediamo di sospendere la seduta e di convocare subito. subito la capigruppo”, aveva detto il presidente dei senatori del Pd Francesco Boccia in aula a Palazzo Madama.

Martedì voto finale su premierato

Si terranno martedì 18, alle 15 le dichiarazioni di voto finali in Senato sul ddl Casellati. Nella stessa giornata il voto dell'Aula sul provvedimento poi atteso alla Camera. La formalizzazione della data del 18 è stata condivisa nella capigruppo che, a maggioranza, ha stabilito pure che nel pomeriggio di oggi continuerà a trattare i restanti articoli del ddl Casellati. Stabilito inoltre che le opposizioni, che hanno terminato il tempo a disposizione in Aula, avranno altre due ore aggiuntive.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza