cerca CERCA
Lunedì 22 Luglio 2024
Aggiornato: 18:26
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Milano, asportato tumore di 1,4 chili da volto 38enne

Intervento all'Irccs Galeazzi-Sant'Ambrogio, ricostruita mandibola usando porzione perone del paziente

(Foto )
(Foto 123Rf)
04 luglio 2023 | 14.06
LETTURA: 3 minuti

Pesava un chilo e 400 grammi la massa tumorale (un ameloblastoma) rimossa dal volto di Angelo, 38 anni. L'intervento che ha permesso di eliminare la neoplasia benigna - non metastatica, ma molto aggressiva localmente, precisano i medici - e ricostruire la mandibola del paziente impiegando una porzione del suo perone è stato eseguito dall'équipe di Alessandro Baj, responsabile dell'Unità operativa complessa di Chirurgia maxillo-facciale dell'Irccs Ospedale Galeazzi-Sant'Ambrogio di Milano.

L'ameloblastoma - riferiscono dalla struttura del Gruppo San Donato - origina dalle cellule atte alla produzione dello smalto dentale. In questo caso aveva compromesso in maniera significativa la vita del paziente. Angelo faticava ormai a deglutire, ad alimentarsi, a respirare. Il tumore, scoperto oltre 20 anni fa, nel tempo è cresciuto intaccando completamente la bocca, la mandibola e il cavo orale, rendendo indispensabile l'intervento chirurgico. "Siamo di fronte a una neoplasia primitiva dell'osso, le cui cause sono da ricercare nella genetica. Il tessuto di origine è quello dello smalto dei denti, che va incontro a un'aberrazione durante il suo sviluppo, al quale segue un errore di trascrizione nel Dna che i sistemi di correzione del nostro organismo non riescono ad affrontare", spiega Baj che è anche professore associato di Chirurgia maxillo-facciale del Dipartimento di Scienze biomediche, chirurgiche e odontoiatriche dell'università degli Studi di Milano e direttore della Scuola di specializzazione in Chirurgia maxillo-facciale dello stesso ateneo.

Prima di intervenire chirurgicamente è stata necessaria un'accurata pianificazione: il paziente è stato sottoposto a una Tac per ricavare immagini poi elaborate da uno specifico software in grado di riprodurre tridimensionalmente lo scheletro della testa.

E' stato poi simulato l'intervento virtualmente e, con l'ausilio di tecnologie software e di stampa 3D, è stato possibile progettare 'su misura' tutte le componenti - come placche, guide e viti - necessarie in sala operatoria, soprattutto per quanto concerne la resezione dell'osso mandibolare, la modellazione del perone e dei tessuti da impiegare per la ricostruzione del volto. In un'unica seduta operatoria, della durata di 8 ore, Baj con la sua équipe ha rimosso, mediante un doppio accesso da bocca e collo, la massa tumorale e la mandibola. Parallelamente si è proceduto con l'espianto del perone - con l'arteria peroniera e le vene - che è stato modellato al fine di riprodurre, anche grazie all'ausilio di mezzi di fissazione, l'esatta curvatura della mandibola. E' dunque un trapianto autologo, di un tessuto che viene poi rivascolarizzato con tecniche microvascolari, che permettono pertanto al tessuto trapiantato di essere subito percorso dal sangue.

"Si tratta di un intervento impegnativo e complesso, date anche le notevoli dimensioni della massa, ma che presenta una bassa possibilità di complicanze soprattutto in pazienti giovani, come in questo caso", rimarca Baj. "Il tasso di successo è molto alto, tuttavia - puntualizza - è possibile avere una recidiva, pertanto il follow up post-operatorio sarà di 5 anni, esattamente come accade per alcuni tumori maligni". In un secondo tempo Angelo verrà sottoposto a un nuovo intervento che prevede l'impianto dei denti, il ripristino della funzionalità di labbro e bocca, poiché il tumore aveva intaccato anche la muscolatura del volto, nonché il miglioramento dell'aspetto della cicatrice sul collo e la rimozione della pelle in eccesso.

Il paziente può tornare da subito a una vita attiva, senza alcun bisogno di riabilitazione. "Il viso è il nostro biglietto da visita, il primo elemento che le persone notano e ricordano di noi. Quindi per me era importante che il mio paziente tornasse a riconoscersi guardandosi allo specchio, che si ritrovasse in quell'immagine che per anni è stata deturpata e che gli ha provocato tanta sofferenza nel corpo, ma anche nella mente", conclude lo specialista.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza