cerca CERCA
Lunedì 15 Luglio 2024
Aggiornato: 00:22
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Stock di carbonio nel suolo, analisi Fao sulle praterie

Pubblicato il primo rapporto Global Assessment of Soil Carbon in Grasslands

(Fotolia)
(Fotolia)
14 febbraio 2023 | 13.25
LETTURA: 2 minuti

Dopo gli oceani, i suoli sono il secondo deposito di carbonio più grande sulla Terra e svolgono un ruolo importante nel cambiamento climatico a causa della grande quantità di carbonio attualmente immagazzinata nella materia organica del suolo. Il primo rapporto Global Assessment of Soil Carbon in Grasslands della Fao-Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura fornisce un'analisi dello stato degli stock di carbonio nelle praterie del mondo ed evidenzia gli 'hotspots' in cui sono necessarie azioni per preservare o aumentare la capacità del suolo di immagazzinare carbonio.

Secondo il report, "il miglioramento delle pratiche di gestione delle praterie, ampie aree ricoperte di erba, utilizzate in particolare per il pascolo degli animali, può aumentare la capacità dei suoli di assorbire il carbonio e aiutare i Paesi a raggiungere i loro obiettivi climatici". Lo studio ha rilevato che se il contenuto di Soc (Soil Organic Carbon) nello strato profondo 0-30 cm delle praterie disponibili aumentasse dello 0,3% dopo 20 anni di applicazione di pratiche di gestione che migliorano il sequestro del carbonio organico del suolo, potrebbero essere sequestrate 0,3 tonnellate C/ha all'anno.

"Valutare lo stato attuale delle praterie e il loro potenziale di sequestro di carbonio nel suolo è fondamentale per comprendere meglio i vantaggi dei servizi di prateria per la sicurezza alimentare, la conservazione della biodiversità e la mitigazione dei cambiamenti climatici - afferma Thanawat Tiensin, direttore della Divisione Fao Animal Production and Health - Questo rapporto fornisce un'analisi completa dello stato degli stock di carbonio e delle potenziali compensazioni nei suoli delle praterie nel mondo. Può anche essere utilizzato come base per lavori futuri per migliorare il sequestro del carbonio nel suolo attraverso una gestione sostenibile del pascolo”.

I suoli possono funzionare sia da fonti che da pozzi di carbonio: molte praterie, che contengono circa il 20% della Soc mondiale, hanno subito perdite a causa di attività umane come il pascolo intensivo del bestiame, le attività agricole e altre attività di utilizzo del suolo.

Secondo il rapporto, la maggior parte delle praterie del mondo ha un bilancio del carbonio positivo, il che significa che il terreno è stabile o ben mantenuto. Tuttavia, è stato riscontrato un bilancio negativo del carbonio in Asia orientale, America centrale e meridionale e in Africa a sud dell'Equatore, il che significa che è probabile che questi stock stiano diminuendo a causa degli stress antropici combinati con le condizioni climatiche.

Questa tendenza, tuttavia, potrebbe essere invertita - rileva il rapporto - stimolando la crescita delle piante, catturando il carbonio nel suolo e proteggendo il carbonio nei suoli altamente organici, come le praterie seminaturali (non gestite dall'uomo). Nella gestione del bestiame, ciò potrebbe anche significare l'attuazione di misure di pascolo rotazionale, pianificato o adattativo per gli animali.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza