cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 22:15
Temi caldi

A Brescia al via la mostra 'PrimeDonne', i costumi delle eroine di Verdi e Puccini

01 dicembre 2015 | 12.25
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Violetta, Desdemona, Elisabetta, Mimì, Tosca sono personaggi che vivono nell'immaginario e che si materializzano nella mente quando ascoltiamo la “loro” musica, quella con cui Puccini e Verdi hanno dato loro vita e le hanno rese immortali. Ma sarebbe possibile spogliare questi personaggi dai loro fantastici vestiti di scena? Sia per le donne di Puccini, che sono il centro di ogni sua opera, piene di fascino, di seduzione e di passione, sia per le eroine verdiane , anch’esse figure piene di passione, ma spesso tormentate e in balia del loro destino l’abito è un elemento caratterizzante, che le identifica e le imprime nella nostra memoria.

La mostra “PrimeDonne. Le donne di Puccini e le Eroine di Verdi” che verrà inaugurata mercoledì 2 dicembre alle ore 17 da Diana Bracco, Presidente della Fondazione Bracco, e Giuseppe Ambrosi, Presidente della Camera di Commercio di Brescia, permetterà di rivivere pagine emozionanti dell’opera italiana attraverso i costumi indossati da alcuni fra i personaggi che più hanno appassionato ed entusiasmato il pubblico.

L’esposizione, che nasce dalla fusione di due distinte rassegne già presentate a Milano e a Villa Bertelli di Forte dei Marmi, propone gli abiti di scena cuciti nei laboratori scaligeri dagli allievi del Corso per sarti dello spettacolo dell’Accademia Teatro alla Scala sulla base dei figurini originali.

“Questa mostra”, afferma Diana Bracco, Presidente di Fondazione Bracco, “è parte di un progetto pluriennale di collaborazione tra la nostra Fondazione e l’Accademia scaligera che mira in primo luogo alla valorizzazione dei giovani talenti in vari settori. Abbiamo già ideato e realizzato molte iniziative, tra cui mostre con scenografi e fotografi di scena, concerti in Italia e all’estero; con la rassegna dedicata ai costumi, realizzati dagli allievi dei corsi di sarti per lo spettacolo, abbiamo voluto portare l’attenzione sulla grande tradizione italiana dell’alto artigianato, vera eccellenza del Made in Italy ieri come oggi, oltre che dimostrare quante siano le professionalità di alto livello coinvolte nella realizzazione di uno spettacolo teatrale”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza