cerca CERCA
Mercoledì 18 Maggio 2022
Aggiornato: 07:32
Temi caldi

Ambiente: a Carpi prima bonifica amianto su condotta idrica senza scavo

06 dicembre 2016 | 13.59
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Parte oggi a Carpi (Modena), un intervento di manutenzione e risanamento su un tratto di condotta idrica in cemento amianto utilizzando un coating polimerico. Si tratta del primo esperimento di questo tipo nell’acquedotto Aimag e verrà realizzato in collaborazione con 3M, azienda leader nell’innovazione con tecnologie avanzate tra cui quelle della manutenzione delle reti idriche. Queste nuove tecniche sono state approvate dal Ministero della Salute Italiano e rappresentano una grande opportunità per ridurre l’impatto delle operazioni di scavo per il rinnovo delle tubazioni sulla viabilità della città.

La nuova tecnologia consente infatti di ridurre notevolmente il tempo del cantiere stradale necessario per gli interventi di manutenzione delle tubature che portano l’acqua nelle case (soltanto alcuni giorni).

Il sistema di relining della 3M a differenza delle altre pratiche tradizionali, prevede uno scavo di soli 2x3metri per entrare, con le apparecchiature, nella tubazione da riparare; poi con una videocamera a circuito chiuso si verifica la condizione del tubo e si definisce quali modalità di pulizia adottare.

Dopo le fasi di preparazione della tubatura inizia il vero e proprio relining grazie all’utilizzo di un carrello con testa spruzzante che, tramite un movimento rotatorio, distribuisce i materiali per la ricostruzione. Il materiale consiste in una resina bicomponente, conservata in un serbatoio riscaldato per controllarne la viscosità. Si crea così un sottile rivestimento dallo spessore prestabilito in base alla grandezza del tubo.

“Abbiamo scelto di sperimentare questa tecnologia -spiega Davide De Battisti, dirigente del servizio idrico integrato- in quanto il programma degli interventi di rinnovo della rete acquedottistica in cemento amianto prevede numerosi cantieri nel centro della città di Carpi e, avendo Aimag da sempre la massima cura nel creare il minor disagio possibile alla cittadinanza durante l’esecuzione degli interventi sulla propria rete, sta valutando tutte le possibili soluzioni tecnologiche che assicurano il minor impatto sulla viabilità e sull’ambiente, garantendo il rispetto di tutti gli standard caratteristici delle nuove tubazioni in termini di vita utili e bontà dei materiali.”

"Grazie alla tecnologia 3M -aggiunge Davide Panciera, Manager - Key Account Technical Liaison di 3M Italia- è possibile beneficiare di un importante risparmio energetico ed economico rispetto alla tradizionale sostituzione della tubatura. Questa tecnologia riesce infatti a risanare falle fino a 8mm e crepe fino a 5mm, garantendo una durata del tubo di oltre 50 anni".

"Quello di Carpi è un esempio concreto della scienza 3M applicata alla vita, una soluzione tecnologica avanzata per proteggere le tubature dalla corrosione e da eventuali rotture e conseguenti dispersioni. Una garanzia quindi per il benessere dei cittadini e della comunità tutta", conclude Panciera.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza