cerca CERCA
Giovedì 07 Luglio 2022
Aggiornato: 21:24
Temi caldi

Dusseldorf

La mostra più importante di Ai Weiwei

18 maggio 2019 | 11.00
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(AFP)

Prende il via al Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen di Dusseldorf la mostra personale, fino a ora la più completa in Europa, dell'artista cinese Ai Weiwei "un attivista, come artista, e un artista, come attivista", nelle parole di presentazione di Susanne Gaensheimer, direttrice della collezione e la co curatrice della mostra. Intitolata "Ai Weiwei", rimarrà aperta fino al prossimo primo settembre e presenta i lavori degli ultimi dieci anni, imperniati sul suo motto "tutto è arte, tutto è politica".

Vengono riproposte nei due padiglioni del museo di arte contemporanea K20 e K21 anche due delle opere più celebri (e imponenti) di Ai Weiwei: "Straight", composta da 164 tonnellate di acciaio, cavi raccolti dalle macerie di una scuola crollata nel terremoto del 2008 in Cina, accompagnata dai nomi, scritti sui muri, delle migliaia di bambini morti, e "Sunflower Seeds", l'installazione del 2010, esposta allora alla Tate di Londra, di 650 metri quadrati con 100 tonnellate di semi di girasole di porcellana dipinti a mano in Cina con tecniche tradizionale.

In mostra anche "Laundromat", vestiti raccolti nel campo profughi di Idomeni in Grecia dopo che era stato sgomberato dalle autorità e poi lavati, stirati ed esposti come in una lavanderia. Ai Weiwei è stato detenuto in Cina per 81 giorni, nel 2011, e da allora ha lasciato il paese e si è trasferito a Berlino.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza