cerca CERCA
Martedì 25 Gennaio 2022
Aggiornato: 16:16
Temi caldi

Dialetti d’Italia

A gennaio pota il buon contadino, a febbraio pota l'avaro, a marzo pota il pazzo

20 febbraio 2016 | 07.03
LETTURA: 2 minuti

alternate text

'A gghiennar' put' u massar', a frevar' put' l'avar', a mmarz' put' u pazz' ('A gennaio pota il buon contadino, a febbraio pota l'avaro, a marzo pota il pazzo') dicono in Basilicata. La tradizione popolare è ricca di detti e proverbi che collegano i mesi dell'anno alle abitudini, alla vita nei campi e all'attività contadina, e i dialetti italiani regalano tanti spunti, come si legge in 'Dialetti d'Italia' a cura di Mario Corte (Adnkronos Libri).

Gennaio

Genée (Piemonte/Lombardia)

Janvië (Val d'Aosta)

Genàr (Trentino/Friuli)

Zenéro (Veneto)

Znèr (Emilia/Romagna)

Gennaro (Toscana)

Jennare (Abruzzo)

Gghiennar' (Basilicata)

Innaru (Sicilia)

Gennargiu (Sardegna)

Febbraio

Fëvrée (Piemonte/Lombardia)

Fevrâr (Friuli)

Febrèr (Emilia)

Fëbbrà (Marche)

Frubbare (Abruzzo)

Frevàro (Campania/Basilicata)

Filivàru (Calabria)

Frivaru (Sicilia)

Frearzu (Sardegna)

Marzo

Mars (Piemonte/Val d'Aosta)

Marz (Lombardia/Trentino/Friuli)

Marso (Liguria)

Mèrz (Emilia/Romagna)

Marzuòlo (Toscana)

Marze (Marche/Abruzzo/Puglia)

Marzu (Calabria/Sicilia/Sardegna)

'Abbrile e magge, non gangianne u vestite; a sciugne, ce non arrive l'otte, no te lèveche u cappòtte' ('Aprile e maggio non cambiarti il vestito; a giugno, se non arriva l'otto, non toglierti il cappotto') - Puglia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza