cerca CERCA
Venerdì 26 Febbraio 2021
Aggiornato: 07:56
Temi caldi

A Milano il 3 febbraio si apre il 'Social Innovation Campus'

29 gennaio 2021 | 14.52
LETTURA: 7 minuti

alternate text
(Adnkronos)

Ritorna il “Social Innovation CAMPUS”, promosso dalla Social Innovation Academy di Fondazione Triulza in MIND, il 3 e 4 Febbraio 2021 in modalità digitale, dedicato nella seconda edizione al tema “Social Tech: la reazione per rinascere”. Alla luce del difficile scenario economico e sociale un appuntamento per mettere insieme giovani e nuove generazioni di cooperatori, realtà del terzo settore e dell’economia civile, start-up e aziende tecnologiche, università e centri di ricerca, enti locali e imprese profit e sociali. Come nella prima edizione, il Campus parte dalla “palestra per l’innovazione sociale” MIND ma allarga lo sguardo sia a livello internazionale sia locale, come nel dialogo con il progetto Voce, nell’area milanese di Porta Nuova. Un ricco programma culturale con oltre 30 workshop che parte con l’evento di apertura e si sviluppa su molti temi tra cui: economia circolare, trasferimento tecnologico al terzo settore, infrastrutture sociali per la rigenerazione urbana, coinvolgimento delle comunità, cooperazione nella competizione, esperienze europee e cronache da paesi dove la sfida è ancora più difficile. Circa 50 laboratori e webinar, 1 hackathon, 1 dibattito, due certificazioni internazionali Open Badge e lectio per coinvolgere oltre 3000 studenti e classi delle secondarie di II grado, leFP, universitari e anche neolaureati e neodiplomati. Novità di questa edizione due Contest per cooperative e start-up, con progetti innovativi a impatto sociale, del percorso “Innovazione Sociale. Miracolo a Milano” sostenuto dalla Fondazione Comunità di Milano.

In un anno come il 2021 che vedrà a settembre ospitare a Milano dal 28 al 30 settembre l’evento “Youth4climate: Driving Ambition” ove i giovani potranno elaborare proposte concrete da inserire nel processo negoziale della Pre-COP26 di Milano e della COP26 di Glasgow, eventi come il Campus sono fondamentali per accrescere la consapevolezza dei ragazzi e della società civile in merito alle sfide che il futuro ci riserverà e iniziare a pensare a soluzioni per la rinascita e la ripartenza del paese. La partecipazione è gratuita. Iscrizione e indicazioni per accedere al live streaming degli eventi dal sito https://sicampus.org/.

Il Social Innovation Campus prenderà il via alle ore 09.15 di mercoledì 3 febbraio, con le introduzioni del professore ordinario presso la School of Management del Politecnico di Milano Mario Calderini, presidente del Comitato Scientifico del Campus e della Social Innovation Academy in MIND, e del Presidente di Fondazione Triulza Massimo Minelli. Nella prima parte Gaela Bernini, Segretario Generale di Fondazione Bracco; Giovanni Fosti, Presidente di Fondazione Cariplo; Maurizio Gardini, Presidente di Confcooperative e FondoSviluppo; Mauro Lusetti, Presidente di Legacoop e Coopfond; Pierluigi Stefanini, Presidente di Unipol Gruppo e Remo Taricani, Co-CEO Commercial Banking Italy UniCredit discuteranno sui temi che i giovani pongono per la ripartenza con alcuni universitari partecipanti all’hackathon Hack&Go! lanciato nella prima edizione. I partner di MIND Giovanni Azzone, Presidente di Arexpo; Elena Bottinelli, AD dell’IRCCS Ospedale San Raffaele e dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi; Marina Carini, Prorettore alla Terza Missione dell’Università degli Studi di Milano; Marco Simoni, Presidente di Human Technopole e Andrea Ruckstuhl, Head of Italy and Continental Europe di Lendlease presenteranno invece alle 16 classi delle scuole secondarie di II grado partecipanti all’hackathon “Città e Innovazione Sociale e Ambientale” le ultime sfide da risolvere nella due giorni. Condurrà l’evento d’apertura Elisabetta Soglio, responsabile di Bune Notizie Corriere della Sera.

Sono diversi gli appuntamenti del 3 e 4 febbraio in cui saranno approfonditi progetti e opportunità per promuovere tra le cooperative e le start-up sociali, realtà strategiche per la ripartenza, processi di capacity building, trasferimento tecnologico, opportunità e networking europei e internazionali. E per la prima volta al Campus due Contest per 18 progetti innovativi di cooperative e start-up sociali partecipanti al percorso “Innovazione Sociale: Miracolo a Milano” con lo scopo di presentarsi a un’ampia platea di potenziali finanziatori, clienti e partner. UniCredit affronterà in due workshop, “Fare imprese per rigenerare i territori” e “UniCredit Start Lab: opportunità di supporto a progetti innovativi”, alcuni strumenti per la crescita delle competenze economiche e manageriali delle start-up e la nascita di nuove imprese per rigenerare i territori.

Fondazione Social Venture GDA e Cariplo Factory presentano nuove call e opportunità in “Capacity building e Impact investing: nuove sinergie per supportare l’innovazione sociale”. Mutua Sanitaria Cesare Pozzo in “Re-design del welfare nell’Italia che verrà dopo la pandemia” lancia una ricerca per capire in che direzione vanno politiche, strumenti e servizi che rispondono ai bisogni delle persone. Stripes Coop Sociale, in “La re-azione del lavoro educativo” racconta la propria esperienza nel ridisegnare servizi e relazioni durante la pandemia. Nella sua lectio “Innovazione, start-up e impatto sociale”, il professore del Politecnico di Torino Giuseppe Scellato parlerà di come la tecnologia, le giovani imprese e l’impatto sociale sono un mix di garanzia per una crescita inclusiva, con il racconto di alcuni casi per ispirare e guidarne tanti altri.

Questo sarà anche l’obiettivo delle testimonianze internazionali di giovani imprenditori e volontari al Campus: nel workshop “Next generation: i giovani in Europa”, Diesis Network presenta l’esperienza di successo dell’impresa sociale e culturale creata da Kaspars Kondratjuks in un’area rurale di Riga, Lettonia; il Joint Research Centre della Commissione Europea e CSVnet Lombardia raccontano di giovani impegnati in attività di volontariato e percorsi di co-progettazione e di educazione. Nell’incontro “Testimonials from countries where the challenge is even more difficult” a cura di ACRA, AVSI e OXFAM Italia, l'esperienza di giovani impegnati in prima persona nel settore del risparmio energetico, del recupero di materiali riciclabili e dell’economia circolare in Ecuador, Uganda e Libano. Testimonianze da Parchi Scientifici e Tecnologici della Svezia e della Colombia nel workshop di Arexpo.

Proprio l’Economia Circolare è uno dei temi principali che emergono nel programma culturale del Campus 2021 come leva per la ripartenza e per la costruzione di un futuro tecnologico sì ma, soprattutto, più sostenibile e inclusivo. Nel workshop “Da rifiuto speciale a risorsa innovativa: “Rien vaut plus”, Fondazione Bracco illustra un concreto esempio di economia circolare in un’azienda farmaceutica. Altroconsumo con “Plastic pax” parlerà proprio di come rigenerare gli imballaggi usa e getta in pandemia senza dover rinunciare alla plastica. Al Campus sarà lanciato in anteprima “Laboratorio Circolare” un progetto formativo e culturale di Fondazione Triulza, Italia Circolare e Valore Italia per creare competenze “circolari” manageriali e co-progettazioni tra realtà del terzo settore e aziende profit. Uno dei luoghi di sperimentazione sarà proprio MIND come sarà illustrato in “Community park: un percorso condiviso per il parco di MIND”, a cura di Lendlease e Planet Smart City. La lectio del professore Francesco Quatraro dell’Università di Torino approccia il legame tra “Sostenibilità, Innovazione ed economia circolare”, tema che sarà approfondito anche nella tappa nel Campus di MIND del Salone della CSR "Rinascere sostenibili. Verso la Città del Futuro: salute, solidarietà e innovazione”. In “Tecnologia e sostenibilità nel Servizio Idrico Integrato”, Gruppo CAP-Fondazione CAP presentano alcuni dei loro progetti hi-tech per una gestione intelligente e sostenibile della risorsa acqua e dei servizi agli utenti.

Oltre all’ambiente, l’economia circolare fa leva sulla collaborazione e la coesione – inclusione, temi che saranno approfonditi da più punti di vista: da Confcooperative Lombardia con “Cooperare per competere, MIND lab di innovazione collaborativa”, dal Gruppo Cooperativo CGM in “Infrastrutture sociali per la rigenerazione e rilancio delle periferie”, da AVIS in ”ROBA DA GIOVANI. La resilienza al Coronavirus e il coinvolgimento delle nuove generazioni” e LEDHA in “Universal Design e Inclusive Design: progettare superando le differenze”. Mestieri Lombardia organizza un workshop su tecnologie per nuove forme di ricerca di lavoro.

Il Campus dedica molta attenzione al mondo della scuola e degli studenti, anche Universitari, indubbiamente penalizzati in questa pandemia. È stato costruito un ricco programma culturale coerente con le richieste dei PCTO e programmi di educazione civica, e con opportunità anche per neodiplomati e neolaureati. Il 3 e il 4 febbraio 2021 studenti e classi potranno partecipare da remoto, gratuitamente, e da tutta Italia, a circa 50 laboratori e webinar ideati per loro su innovazione scientifica, smart city, nuove professioni in ambito scientifico, nuove opportunità nel settore ortopedico, legame tra esercizio fisico e salute, hard e soft skills, Agenda 2030, cooperazione allo sviluppo, moda ed economia circolare, tutela delle invenzioni e dell’innovazione, nonché ottenere la certificazione digitale internazionale Open Badge Umana “Soft skills e colloquio di lavoro” e “Valorizzati nel tuo CV”. Grazie alla collaborazione con ACRA, Arexpo e Stripes Digitus Lab, Fondazione Human Technopole, Gruppo CAP, IRCCS Ospedale Galeazzi, Lendlease, Planet Smart City, Università degli Studi di Milano, UMANA, Valore Italia e WeWorld.

24 classi delle superiori hanno accetto invece l’invito a co-progettare la città del futuro e hanno lavorato nel mese di gennaio per portare al Campus le loro proposte: 16 team hanno partecipato al Hackathon “Città e Innovazione Sociale e Ambientale” mentre 8 classi hanno partecipato al confronto-dibattito “La Carta dei Valori della Città del Futuro”. Il live delle presentazioni potrà essere seguito dal sito https://sicampus.org/. Il 4 febbraio pomeriggio nell’evento conclusivo le Premiazioni del Hackthon e dei Contest per cooperative e start-up innovative.

Il Social Innovation Campus è promosso dal comitato scientifico della Social Innovation Academy di Fondazione Triulza in MIND – Milano Innovation District. Partner del Programma Culturale 2021 sono organizzazioni, realtà e aziende di ambiti e settori molto diversi tra loro cui: Arexpo, Lendlease, IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, Fondazione Human Technopole e Università degli Studi di Milano, in qualità di official partner e realtà operative nel sito MIND come Fondazione Triulza; Coopfond – Confcooperative, Fondazione Bracco, Fondo Sviluppo-Legacoop, UniCredit e Unipol Gruppo, main sponsor dell'iniziativa; Gruppo CAP-Fondazione CAP, Planet Smart City e Umana, sponsor. Altre 27 realtà hanno contribuito al programma come content partner e sponsor tecnici. L’edizione 2021 ha ricevuto il sostegno e il contributo della Regione Lombardia e il patrocinio di ASviS, della Città Metropolitana di Milano e del Comune di Milano.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza