cerca CERCA
Lunedì 17 Gennaio 2022
Aggiornato: 18:45
Temi caldi

Iran: propaganda contro gli Usa, a Teheran il festival 'Morte all'America'

04 dicembre 2014 | 15.04
LETTURA: 3 minuti

Dal 7 dicembre la gara in cui gli artisti della propaganda contro il Grande Satana si sfideranno a colpi di murales, poster, foto, persino app o canzoni, per conquistare un posto di rilievo nella Hall of Fame della Repubblica islamica

alternate text

Sullo sfondo dei delicati negoziati sul programma nucleare e dello scontro interno tra sostenitori ed oppositori dell'accordo, Teheran si prepara al secondo festival 'Morte all'America'. Una gara in cui gli artisti della propaganda contro il Grande Satana si sfideranno a colpi di murales, poster, foto, persino app o canzoni, per conquistare un posto di rilievo nella Hall of Fame della Repubblica islamica, ma anche 3.700 dollari che nell'Iran odierno, con un'economia soffocata dalle sanzioni, non sono proprio una somma irrisoria.

Il festival, che si apre il 7 dicembre, è visto di buon occhio dai duri e puri dello scontro a tutti i costi con gli Usa alla Ahmadinejad, ma non dal nuovo presidente Hassan Rohani, che da quando è in carica ha tentato di gettare ponti verso Washington e vede il rischio di rovinare tutta la tela pazientemente tessuta con un danno di immagine. Non a caso le ultime manifestazioni anti-Usa nella capitale organizzate dal governo si sono celebrate in tono minore rispetto agli anni precedenti.

I graffiti contro gli Stati Uniti sono in Iran una questione di Stato - come evidenzia il sito Iran Wire - Sono sponsorizzati, infatti, da vari enti o formazioni governative come i Guardiani della Rivoluzione, l'Organizzazione per la Propaganda Islamica e il ministero della Cultura e della Guida Islamica. Quando, dopo alcuni anni, i murales tendono a scolorire, viene subito stanziato un budget per rinnovarne i colori.

Di murales anti-Usa e in ricordo dei 'martiri' della guerra "imposta" con l'Iraq è piena Teheran, come lo sono le altre città della Repubblica islamica. Ma il festival 'Morte all'America' è l'ennesimo segnale di come una parte oltranzista dell'establishment provi ad abbattere i tentativi di dialogo con l'Occidente.

La propaganda anti-Usa, tuttavia, non si ferma ai graffiti nelle strade. In occasione di celebrazioni religiose o di anniversari della rivoluzione islamica come la giornata di al-Quds, migliaia di persone sfilano per le vie principali delle città con cartelli contro gli Usa. Durante le manifestazioni vengono bruciate le bandiere israeliane e statunitensi.

Quest'anno tra i temi del festival, come ha spiegato il direttore dell'evento Mohammad Hasani, figurano "Perché Morte all'America?", "America e diritti umani", "America e Islamofobia" e "America nelle braccia del sionismo mondiale". Il vincitore sarà annunciato il prossimo 11 febbraio, anniversario della vittoria della rivoluzione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza