cerca CERCA
Martedì 15 Giugno 2021
Aggiornato: 12:34
Temi caldi

Aborto: 5 anni residenza per fondo Nasko Lombardia, polemica Lega-Ncd

31 marzo 2014 | 15.58
LETTURA: 3 minuti

Milano, 31 mar. (Adnkronos Salute) - Cinque anni continuativi di residenza in Lombardia, reddito Isee fino a 7.700 euro per nuclei familiari e fino a 15 mila per le mamme sole. Sono questi i nuovi criteri che l'assessorato alla Famiglia, solidarietà e volontariato intende adottare per riformare l'accesso ai contributi del fondo Nasko, istituito dalla Regione Lombardia per sostenere le mamme in difficoltà economica che decidono di non abortire. Ad annunciarlo oggi durante l'audizione in Commissione Sanità del Consiglio regionale è l'assessore Maria Cristina Cantù che, valutato l'esito dei lavori del gruppo tecnico attivato per definire la modifica dei requisiti, conferma la posizione già espressa nei giorni scorsi, suscitando le critiche di Ncd.

Critiche espresse in prima battuta dal consigliere regionale Stefano Carugo che promette un muro contro muro all'interno della maggioranza, definendo "irricevibile" la proposta dell'assessorato sul fondo Nasko. "E' cruciale porre nuovi criteri, posto che si tratta di risorse prodotte dai cittadini lombardi - replica Cantù - Dai dati del ministero della Salute sulle interruzioni volontarie di gravidanza emerge che circa il 60% delle donne che affrontano questa tragica scelta è di nazionalità italiana e noi, nel definire le priorità, non possiamo prescindere dalla riflessione sulla necessità di tutelare le potenziali mamme lombarde. Dobbiamo sostenere le famiglie che vivono in Lombardia e che pagano le tasse in Lombardia. Non possiamo salvare l'umanità intera".

L'incremento degli anni di residenza, spiega Cantù, "risponde al riconoscimento di un diritto di cittadinanza che deriva dalla consolidata relazione tra diritti e doveri, secondo principi di reciprocità". Questo, assicura, "a prescindere da ogni ideologia". I criteri, secondo il programma dell'assessorato, saranno applicati già alle misure 2014 in vista della successiva messa a sistema nel 2015. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza