cerca CERCA
Mercoledì 21 Aprile 2021
Aggiornato: 16:45
Temi caldi

Salute: 'accordo amici della vista', più attenzione a pazienti con glaucoma

07 dicembre 2020 | 17.29
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Un impegno tra 'amici della vista' per dare maggiore attenzione alle persone che soffrono di disabilità visiva causata dal glaucoma. E’ quello che si sono scambiati l’Unione italiana ciechi e ipovedenti, rappresentati dal presidente Mario Barbuto, il gruppo multi-partisan parlamentare 'amici della vista', coordinato dall’onorevole Paolo Russo, medico oculista, e la Società italiana Glaucoma (Sigla), nella persona del neo-eletto presidente Stefano Gandolfi, direttore della Clinica oculistica di Parma.

L'accordo tra le parti - riferisce una nota - è stato preso durante un simposio, svoltosi nell’ambito del Meeting annuale di Sigla, quest’anno in 'visual online' a causa dell’emergenza Covid-19, e dedicato alla gestione della disabilità visiva indotta dal glaucoma, definito, non a caso, 'il ladro silenzioso della vista'. Nel simposio è stata sottolineata la necessità di rendere il mondo 'fruibile' per chi, tra i cinque sensi, non può più contare proprio su quello attraverso il quale, oggigiorno, passa più dell’80% delle informazioni che una persona può avere sulla realtà che la circonda.

Un recente esempio di come anche l'arte possa essere portata a misura dell'ipovedente e del non vedente - riferisce ancora la nota - viene dall'iniziativa 'il Cristo Ri-velato', sostenuta dai Lions Club di Parma con il patrocinio di Sigla, a seguito della quale l’interpretazione dello scultore non vedente Felice Tagliaferri del notissimo Cristo Velato, conservato nella chiesa di San Severo a Napoli, sarà esposta per un anno nella chiesa di San Giovanni a Parma, a disposizione di chiunque, con disabilità visiva, voglia 'vederla' attraverso il contatto con le mani. Una riproduzione accessibile e fruibile, ottenuta attraverso la stampa 3D, renderà ancora più precisa l’immagine mentale ottenuta attraverso il tatto.  

Pertanto, sviluppare tecnologie, che rendano l’ipovedente meno dipendente dall’aiuto esterno sia in casa sia fuori è stato confermato come un obiettivo strategico, da raggiungere anche attraverso progetti dedicati e cogliendo l’occasione dei prossimi finanziamenti in arrivo dalla Ue. Dal simposio - conclude il comunicato Sigla - è emersa inoltre la unanime sollecitazione a sostenere politiche di prevenzione della disabilità, facendo diagnosi di glaucoma in fase precoce, attraverso l’implementazione di percorsi di screening, integrati nella rete della medicina territoriale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza