cerca CERCA
Mercoledì 27 Ottobre 2021
Aggiornato: 08:01
Temi caldi

Psichiatria: a Milano 350 accumulatori compulsivi, docureality li racconta

07 ottobre 2014 | 16.23
LETTURA: 4 minuti

(Adnkronos Salute) - Montagne di vestiti smessi, pile di giornali e sacchetti riempiti fino all'orlo. Qua e là vecchi elettrodomestici e bottiglie vuote, in un blob indefinito in cui mobili e oggetti d'uso quotidiano si confondono con ciò che non serve più, ma non si riesce a buttare. Bagni, cucine, stanze e ripostigli assomigliano a discariche nelle case delle persone malate di accumulo compulsivo. Solo a Milano 350 scoperti dalla Asl dal 2010. Storie di disagio e abbandono raccontate da 'Vite sommerse', docureality che porta in tv il percorso a ostacoli degli italiani schiavi degli oggetti. Sugli schermi venerdì 10 ottobre, Giornata mondiale della salute mentale, alle 22.10 su Real Time (Canale 31 Digitale Terrestre Free, Sky canali 131 e 132, Tivùsat Canale 31)

"Ho paura del vuoto, il vuoto è assenza", dice Maria. Milanese, 50 anni, giustifica così la malattia che la costringe a vivere in un appartamento dove gli oggetti hanno preso il sopravvento come dopo uno tsunami. Invece per Deborah, 44 anni, anche lei di Milano, "le cose sono precipitate quando ho perso il lavoro per problemi di salute".

Gli anglosassoni lo chiamano 'hoarding' (accumulo), una malattia su cui Discovery Italia ha acceso da tempo i riflettori con produzioni televisive internazionali. E ora il primo focus italiano, un episodio di 60 minuti prodotto da Zodiak Active.

"L'accumulo compulsivo - lo descrivono gli esperti - è un disturbo mentale caratterizzato dal bisogno di collezionare oggetti di ogni tipo, senza valore, pericolosi, inutili e antigienici. In Italia non esiste un protocollo ufficiale di cura perciò chi ne soffre è spesso abbandonato a se stesso".

Per far uscire dall'ombra chi ne soffre, ascoltarli e aiutarli a uscirne, Discovery ha stretto una collaborazione con la Asl di Milano dove alcuni operatori stanno cercando di creare una rete di sostegno, segnalando i casi a tutti gli enti che possano fare qualcosa di concreto per i pazienti L'azienda sanitaria di corso Italia ha attivato un team d'intervento per i malati di accumulo della Lombardia, un numero di telefono dedicato (02-85787670, dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 16) e un indirizzo email (infoaccumulatori@asl.milano.it). Nell'équipe Giovanni Costa, tecnico della prevenzione del Servizio di igiene pubblica. Consulente per il programma tv anche Giovanni Grieco, medico psichiatra che da circa 30 anni lavora nelle strutture pubbliche del Servizio sanitario nazionale e nelle strutture psichiatriche territoriali.

"Discovery Italia è un editore che, con il suo portfolio di canali, raggiunge ogni mese 44 milioni di telespettatori - evidenzia Laura Carafoli, SVP Content & Programming Discovery Italia - Con 'Vite sommerse' abbiamo così colto la possibilità di offrire a un'ampia platea di pubblico un programma di rilevanza sociale, che esplora in modo originale e innovativo un fenomeno che condiziona la vita quotidiana delle persone afflitte da questo disturbo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza