cerca CERCA
Sabato 31 Luglio 2021
Aggiornato: 08:50
Temi caldi

Agrigento: 50 messaggi con minacce di morte in 6 giorni, arrestato stalker

01 luglio 2014 | 15.22
LETTURA: 2 minuti

Dalle indagini è emerso che da circa quattro anni perseguitava la sua vittima

alternate text

Cinquanta messaggi con minacce di morte in sei giorni. Con l'accusa di stalking, violenza sessuale reiterata, sequestro di persona, lesioni aggravate e furto ai danni di una 38enne polizia e carabinieri hanno arrestato a Licata, in provincia di Agrigento, Angelo Antona, pasticciere pregiudicato di 26 anni. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Agrigento, Salvatore Vella, sono scattate lo scorso 23 giugno quando la vittima si era recata presso la stazione dei carabinieri per denunciare l'ennesimo atto di violenza subita.

Agli investigatori ha raccontato come Antona, in preda ad un attacco di ira, l'avesse aggredita, colpendola con schiaffi e pugni, poi una volta a terra, l'aveva trascinata per i capelli, cercando anche di soffocarla. Così era riuscito a farla salire in macchina, dove aveva continuato a picchiarla. Solo in aperta campagna in contrada Poggio Cuti Cascino la vittima era riuscita a sfuggire alla sua furia, trovando rifugio in un'abitazione vicina. Un episodio di violenza, che secondo quanto ricostruito dagli investigatori è solo l'ultimo di una lunga serie.

Da circa quattro anni, infatti, l'uomo avrebbe ricattato la donna, "minacciando di divulgare notizie riservate sul suo conto al fine di costringerla ad avere una relazione intima con lui, accompagnata da ripetuti atti di violenza fisica". Persecuzioni, accompagnate da continui messaggi telefonici con minacce di morte, circa 50 in soli sei giorni. Per l'uomo è così scattato l'arresto in flagranza. Il gip Ottavio Mosti ha già convalidato l'arresto ed ha applicato la misura cautelare della detenzione in carcere.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza