cerca CERCA
Sabato 25 Settembre 2021
Aggiornato: 23:38
Temi caldi

Preside annulla messa natalizia a scuola, scoppia la bufera

20 dicembre 2019 | 14.25
LETTURA: 2 minuti

Accade ad Agrigento. La decisione "per rispettare tutte le minoranze presenti negli istituti" ma la capogruppo della Lega grida alla "censura". Salvini: "Vergogna, invierò un presepe alla preside"

alternate text
(Fotogramma)

di Elvira Terranova

La preside decide di annullare la messa natalizia a scuola in "segno di rispetto per le minoranze" presenti negli istituti ma un gruppo di genitori non la prende bene e scoppia la bufera. Che finisce pure al Comune, perché la capogruppo della Lega parla di "censura" e "sottomissione". Accade ad Agrigento, dove la preside dell'istituto comprensivo di Agrigento-Centro, Anna Gangarossa, decide di festeggiare il Natale con alcune manifestazioni alternative al precetto natalizio, pare, in seguito alla richiesta arrivata da un gruppo di famiglie. Ma il malcontento è prima scoppiato sulle chat di classe su WhatsApp e poi è approdato anche sui cellulari dei politici, a partire da quelli della Lega.

"La preside ha sbagliato perché ha ceduto a una forma di ricatto su un estremismo, questa è una censura bella e buona, siamo alla sottomissione", denuncia all'Adnkronos Nuccia Palermo, capogruppo della Lega al Comune di Agrigento, che stigmatizza la scelta della dirigente scolastica. "Un gruppo di genitori si è visto privare di una tradizione sacrosanta che non nuoce a nessuno, se non a chi viene privato delle nostre radici".

"Questo non è un atto di insegnamento - prosegue - la preside dovrebbe imparare meglio il testo costituzionale". "Per me - dice Nuccia Palermo - è un precedente molto molto grave, perché limitare la libertà altrui sulle tradizioni è scandaloso. Se cominciamo dalla scuola a cedere a un ricatto morale si arriverà presto a una sottomissione indecorosa, una vera censura. E io sono pronta a difenderla davanti a tutti. La scuola deve insegnare la libertà, il rispetto, mentre annullare un precetto natalizio è una forma di mancanza di rispetto".

Sulla vicenda interviene anche Matteo Salvini. “Vergogna, incredibile vergogna! - commenta - La mia solidarietà a tutti i bimbi, agli insegnanti e ai genitori a cui viene negato il bello del Natale, nel nome di una inaccettabile sottomissione culturale e valoriale. Invierò personalmente un presepe a questa preside, che evidentemente ha fallito nella sua missione educativa”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza