cerca CERCA
Mercoledì 27 Ottobre 2021
Aggiornato: 18:31
Temi caldi

Lo studio

Aids, farmaci anti-Hiv bloccano contagio

03 maggio 2019 | 14.14
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

L'assunzione di farmaci anti-Hiv blocca la trasmissione del virus da uomini gay ai partner sessuali. A confermarlo è uno studio europeo su circa 1.000 coppie gay pubblicato su 'The Lancet': il team non ha riscontrato casi di trasmissione di Hiv in 8 anni. Ciò, spiegano i ricercatori, è dovuto proprio al trattamento, che ha ridotto la presenza del virus a livelli molto bassi nell'organismo dei pazienti. "Inosservabile è uguale a non trasmissibile" dovrebbe essere il messaggio, dicono a questo punto gli esperti.

Lo studio europeo ha seguito 972 coppie di omosessuali maschi - in cui un componente aveva l'Hiv ed era in terapia antiretrovirale (Art) e l'altro era sieronegativo - per oltre 8 anni, dal 2010-2017. Non ci sono stati casi di trasmissione dell'Hiv all'interno delle coppie in quel lasso di tempo. Secondo i ricercatori è probabile che siano stati prevenuti nella coorte circa 472 casi di Hiv. In totale, le coppie hanno riferito di avere fatto sesso anale senza preservativo per un totale di 76.088 volte.

Sebbene 15 uomini siano stati contagiati dall'Hiv durante lo studio, i test genetici hanno dimostrato che il virus non proveniva dal loro partner principale. "I nostri risultati forniscono prove conclusive del fatto che il rischio di trasmissione dell'Hiv attraverso il sesso anale quando viene soppressa la carica virale è effettivamente pari a zero", hanno detto i ricercatori.

Un "messaggio potente che può aiutare a mettere fine alla pandemia da Hiv prevenendone la trasmissione, e a contrastare lo stigma e la discriminazione che molte persone con Hiv si trovano a fronteggiare", commenta sulla Bbc online Alison Rodger, autrice dello studio e docente all'University College di Londra.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza