cerca CERCA
Martedì 09 Agosto 2022
Aggiornato: 23:34
Temi caldi

Air France, Hollande condanna assalto: "Violenze inaccettabili

06 ottobre 2015 | 12.42
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Afp)

Si tratta di "violenze inaccettabili che potrebbero avere conseguenze per l'immagine" dell'azienda. Così il presidente francese Francois Hollande ha condannato l'assalto di ieri da parte dei lavoratori alla sede di Air France per protesta al piano di 2.900 esuberi. Anche il primo ministro Manuel Valls, che si recherà oggi al quartier generale della compagnia francese, si è detto "scandalizzato" per le foto dei due dirigenti con le camicie strappate che lasciavano la riunione.

Lunedì i dirigenti di Air France hanno annunciato un piano di ristrutturazione che dovrebbe eliminazione di fatto di 2.900 posti - di cui 300 piloti, 900 tra il personale di bordo e 1.700 tra il personale di terra. L'ad di Air France Frederic Gagey ha annunciato che il vettore ridurrà i suoi voli a lungo raggio del 10 per cento entro il 2017, cancellando 35 voli settimanali. Le riduzioni sarebbero concentrate principalmente in Asia e nel Medio Oriente.

A fotografare la situazione, in un'intervista all'Adnkronos, è Didier Dague, consigliere in rappresentanza dei dipendenti nel Cda di Air France: "è urgente ritrovare un po' di calma. Bisogna smettere di aizzarsi gli uni contro gli altri. Per trovare una soluzione, in particolare nella trattativa con il sindacato nazionale dei piloti (Snpl) serve un mediatore" e perché no uno "nominato dal Governo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza