Cerca

M.O.: giudice ucciso, governo Amman sopravvive a voto di sfiducia

POLITICA

(Aki) - Il governo giordano guidato da Abdullah Ensur e' sopravvissuto al voto di sfiducia del Parlamento promosso dopo l'uccisione la scorsa settimana di un giudice giordano da parte di soldati israeliani al valico tra Giordania e Cisgiordania. Solo 29 deputati su 150 della Camera bassa hanno votato per far cadere il governo, 81 hanno confermato la fiducia a Ensur, 20 si sono astenuti e altrettanti non erano in aula.


Dopo l'uccisione del giudice Raed al-Zayter, di origini palestinesi, i deputati avevano chiesto l'espulsione dell'ambasciatore israeliano in Giordania. Davanti ai deputati Ensur ha spiegato ''di non credere che espellere l'ambasciatore israeliano e richiamare in patria l'ambasciatore giordano serva alla causa del nostro martire''. ''Procedere in questa direzione - ha detto il premier citato dall'agenzia di stampa ufficiale del regno 'Petra' - significherebbe ritrovarsi con ripercussioni peggiori per la Giordania''.

Al-Zayter, secondo la ricostruzione dei militari israeliani, e' stato ucciso il 10 marzo mentre tentava di rubare l'arma di un soldato, al valico del Ponte Allenby. La morte del giudice ha scatenato non poche proteste in Giordania.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.