Cerca

Sud Sudan: 4 leader ribelli a Nairobi, passi avanti verso riconciliazine

SICUREZZA

(Aki) - Quattro leader dell'opposizione in Sud Sudan, il cui processo per alto tradimento è stato sospeso come ''primo segnale'' di distensione del governo nei conftonti dei ribelli, sono arrivati a Nairobi e ricevuti dal presidente kenyota Uhuru Kenyatta. Lo ha reso noto la presidenza del Kenya. I quattro, tra cui l'ex segretario generale del partito alla guida del governo Pagan Amum, erano stati scarcerati il mese scorso, ma inizialmente il presidente Salva Kiir aveva loro imposto il divieto di espatrio. Tra questi anche l'ex ministro della Sicurezza nazionale Oyai Deng Ajak, l'ex ambasciatore in Usa Ezekiel Lol Gatkuoth e l'ex vice ministro della Difesa Majak D'Agoot. Sono gli ultimi di 11 leader rilasciati dopo essere arrestati a Juba a dicembre in seguito all'esplosione degli scontri tra membri rivali delle guardie presidenziali. Gli altri sette sono stati scarcerati e trasferiti in Kenya a gennaio. L'accusa nei loro confronti, come contro l'ex vice presidente Riek Machar, è quella di aver tentato un colpo di stato per deporre Salva Kiir. Accusa che Machar e i suoi hanno sempre negato, accusando Kiir si essere un ''leader che vuole il genocidio''.


Kenyatta ha definito il rilascio dei quattro leader dei ribelli come un ''passo nella giusta direzione'' verso la pace, ma ha sottolineato la necessita' che i colloqui tra Kiir e Machar si svolgano il prima possibile. E' previsto che i due rivali si incontrino domani ad Addis Abeba, in Etiopia, dove il 23 gennaio le delegazioni dei mediatori hanno firmato un accordo di cessate il fuoco che pero' è stato di fatto ignorato sul campo. ''Dobbiamo agire velocemente per il faccia a faccia tra il presidente Salva Kiir e Riek Machar", prosegue il comunicato della presidenza kenyota.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.