Cerca

Libia, Moavero: "Mantenere dialogo con tutti"

SICUREZZA
Libia, Moavero: Mantenere dialogo con tutti

(Afp)

L'Italia in Libia rivendica la necessità di dialogare con tutti, anche con il generale Khalifa Haftar. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, davanti alla commissione Esteri della Camera parlando della posizione del nostro Paese rispetto alla crisi libica. "Siamo esattamente nella posizione dell'intera comunità internazionale, che riconosce il governo Serraj, che peraltro è stato interlocutore anche della componente cirenaica dello scenario libico nei mesi scorsi", ha ricordato il titolare della Farnesina. "Noi pensiamo - ha insistito Moavero - che bisogna mantenere un contatto di dialogo anche con tutti gli altri protagonisti dello scenario libico, anche con il generale Haftar che rimane un attore estremamente importante nella parte est del Paese". Secondo il ministro, "se vogliamo svolgere qualcosa di positivo come Italia per la Libia, dobbiamo muoverci su un binario di dialogo inclusivo con tutte le componenti che abbiano una rappresentatività, che accettino il dialogo perlomeno con noi e poi cercare di rimetterli in dialogo tra di loro". "Dialogo inclusivo e approccio all'inclusività non vuol dire essere ambigui e oscillanti" ha chiarito il titolare della Farnesina. "Non c'è equidistanza - ha sottolineato - nel momento in cui si riconosce con chiarezza un governo legittimo, si svolge un ruolo di conciliatori per riportare le diverse parti a parlare tra di loro".


"Per ora - ha poi spiegato Moavero parlando davanti alla commissione Esteri - non si segnalano incrementi particolari nei movimenti di flussi migratori" in partenza dalla Libia e l'Italia resta "estremante vigilante". "Ma per il momento - ha ripetuto - non si segnalano movimenti di carattere non solo emergenziale ma anche anormale o aticipità, ma il contesto è tale da poterli determinare".

VITTIME - E' di 392 morti e 1.936 feriti il nuovo bilancio dei combattimenti in Libia. Lo riferisce un tweet diffuso nelle ultime ore dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in Libia. Il bilancio è aggiornato a ieri. Inoltre, si stima siano 50mila gli sfollati. Domani sarà trascorso un mese da quando il generale Khalifa Haftar ha annunciato l'offensiva dell'autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna) per "liberare Tripoli".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.