cerca CERCA
Domenica 03 Luglio 2022
Aggiornato: 10:48
Temi caldi

Pino Daniele: Al Bano, voleva miei vini ma non ho fatto in tempo a mandarli

05 gennaio 2015 | 20.25
LETTURA: 2 minuti

Il cantante di Cellino ricorda con l'AdnKronos il cantautore scomparso, col quale ha condiviso il palcoscenico la notte del 31 dicembre scorso nello spettacolo in onda su Rai1: "Era un grande professionista. Gli artisti sono angeli della musica e gli angeli non muoiono mai ma volano di stella in stella"

alternate text
(Foto AdnKronos)

"Pino era un grande professionista. A Courmayeur per Capodanno abbiamo scherzato sui vini. Mi ha detto: 'So che hai tutti i vini' e io gli ho risposto: 'Se non mi dai l'indirizzo come faccio a mandarteli?'. Non ho fatto in tempo, è rimasta una richiesta incompiuta".

Così Al Bano ricorda con l'Adnkronos Pino Daniele, il cantautore scomparso la notte scorsa a causa di un infarto, con il quale ha condiviso il palcoscenico la notte del 31 dicembre scorso a 'L'anno che verrà' su Rai1. "Io aprivo e lui chiudeva lo spettacolo", racconta Al Bano, che ricorda di avere collaborato con il cantautore napoletano anche a 'I migliori anni', sempre su Rai1, e "nel 1988 a Duesseldorf per un programma della tv tedesca Zdf".

"Pino Daniele era una persona simpatica, dall'anima napoletana e io non sono certo nato a Oxford - scherza il cantante - quindi, ci capivamo bene. Gli artisti sono angeli di musica e gli angeli non muoiono mai ma semplicemente volano di stella in stella". Al Bano, che non andrà ai funerali di Daniele mercoledì mattina al santuario del Divino Amore a Roma, non commenta la scelta della famiglia di seppellire il cantautore nel cimitero di Talamone, a Orbetello, in provincia di Grosseto: "E' una decisione della famiglia. In ogni caso lui appartiene a tutti. Talamone o Napoli, Pino Daniele appartiene al mondo", conclude il cantante.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza