cerca CERCA
Mercoledì 10 Agosto 2022
Aggiornato: 06:40
Temi caldi

Mostre: al Radicepura garden festival le opere di Alfio Bonanno

22 maggio 2017 | 17.17
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Le opere di Alfio Bonanno in mostra al Radicepura Garden Festival. La personale dell’artista siciliano, curata Gianluca Collica, dal titolo 'Un uomo d’alto fusto, arte/natura, autoritratti, Sicilia 2017', è aperta al pubblico da oggi fino al 22 luglio, presso il parco Radicepura a Giarre (Catania). La mostra, inserita all’interno del percorso espositivo del Festival, è realizzata con opere prodotte dall’artista siciliano nell’ambito del programma di residenza d’artista 'Herbarium', coordinato dalla Collicaligreggi di Catania e promosso dalla Fondazione.

Per questo progetto Bonanno ritorna dopo tanti anni in Sicilia, a pochi chilometri della sua casa natale. Ogni opera allestita è storia del mondo e personale. Dietro ogni specie di piante utilizzata dall’artista c’è il racconto dell’uomo: un seme mosso dal vento, dalla pioggia o da un qualsiasi animale, ma anche una stiva, la tasca di un migrante, o un popolo antico.

La prima delle due opere monumentali installate all’esterno, dal titolo 'Là dove riposano le lucertole', è esposta nella corte davanti la casa nobiliare, sede della Fondazione Radicepura. Una struttura realizzata con piante di vitis vinifera. Il titolo ricorda un’esperienza vissuta dall’artista nel paesaggio siciliano e, anche se si mostra apparentemente precaria e in qualche modo aggressiva, si lascia vivere e scoprire attraverso le sue aperture, diventando spazio di memoria e riflessione, omphalos di una terra, la Sicilia, che è mito eterno.

La seconda, 'Fossili', è installata all’interno del parco botanico: forme sopra dimensionate di natura scomparsa, ma comuni nel paesaggio siciliano, sono realizzate con un intreccio di canne ricoperto con materiale terroso. Essa fa parte di un ciclo di lavori dedicati a reperti fossili incontrati durate le perlustrazioni che l’artista realizza quotidianamente. Le grandi conchiglie disegnano un paesaggio ancestrale, surreale e straniante di una natura che li conserva gelosamente come memoria di una origine lontana. Tutori di un mondo fantastico, intimo e mutevole, quanto di una natura che nel tempo si riapproprierà dell’attenzione a lei sottratta, ricoprendo i fossili di strati della sua esistenza.

Le restanti opere saranno invece allestite all’interno della Fondazione. 'Fragmenti' è realizzata con rami del vorace Minicucco (bagolaro dell’Etna, Celtis Aetnensis) che, appoggiati gli uni sugli altri, disegnano un’immagine dinamica e astratta, apparentemente instabile e al tempo stesso tenacemente aggrappata alla parete; nell’opera intitolata 'nido' un intreccio di rami della stessa pianta definisce una struttura sospesa di forma ellittica, una sorta di ricettacolo di pure sensazioni generate all’interno di uno spettro sensibile ampio e personale.

Le opere dal carattere più intimo e biografico sono: 'Tavolo', realizzato con oggetti ed elementi naturali fissati nel tempo dalla sabbia lavica etnea, e il dittico realizzato con foglie d’agave essiccate e stirate, dal titolo 'Un uomo d’alto fusto', dove una figura si rispecchia nella sua immagine; 'Spirale', realizzata con le spine di acacia, è memoria del percorso complesso e tortuoso che conduce alla conoscenza del mondo e dell'esistenza; e infine gli 'Autoritratti', un ciclo di lavori su carta realizzati con pigmenti naturali e inchiostri, dipinti con strumenti improvvisati e sottratti al paesaggio ritratto. Queste pitture sono immagine di un osservare ruminato quotidianamente dall’artista nel suo studio. In esse sensibilità propria e mondo naturale diventano un unicum e si mostrano come ritratti del fare e sentire di un uomo d’alto fusto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza