cerca CERCA
Sabato 29 Gennaio 2022
Aggiornato: 23:56
Temi caldi

Iraq: al-Sisi, anche l'Egitto nel mirino dello Stato islamico

07 luglio 2014 | 16.41
LETTURA: 2 minuti

alternate text

I jihadisti dello Stato islamico, che hanno proclamato un califfato in Iraq e in Siria, pianificano anche la conquista dell'Egitto. Ne e' convinto il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi, che ha commentato con i media del Cairo la situazione in Iraq. Lo Stato islamico "aveva un piano per la conquista dell'Egitto", ha detto al-Sisi, senza argomentare. "Ho detto agli Stati Uniti e all'Europa di non fornirgli alcun tipo di aiuto", ha proseguito, spiegando di avere avvertito in tempi non sospetti i partner internazionali anche del fatto che i jihadisti sarebbero "usciti dalla Siria per prendere di mira l'Iraq e poi la Giordania e l'Arabia Saudita".

Al-Sisi si e' poi espresso sull'ipotesi che il Kurdistan iracheno ottenga l'indipendenza dal resto del paese, definendola come uno scenario "catastrofico". "Il referendum che chiedono i curdi - ha detto - sarebbe l'inizio di una catastrofica divisione dell'Iraq in tanti stati più piccoli e rivali tra loro". Il capo di stato egiziano si riferiva alla richiesta avanzata giovedì scorso dal presidente della regione autonoma, Massoud Barzani, al parlamento regionale, di preparare un referendum sull'indipendenza.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza