cerca CERCA
Domenica 16 Gennaio 2022
Aggiornato: 22:21
Temi caldi

Alcol: Opga, Istat conferma trend consumo in calo fra i Paesi Ue

09 aprile 2014 | 15.36
LETTURA: 3 minuti

Roma, 9 apr. (Adnkronos Salute) - "I dati pubblicati oggi dall'Istat continuano a segnalare una tendenza alla diminuzione del consumo sia su base annua, sia su base decennale (periodo 2003-2013)". Così Michele Contel, segretario generale dell'Osservatorio permanente giovani e alcool. "Oggi il 63,9% della popolazione italiana maggiore di 11 anni consuma bevande alcoliche almeno una volta all'anno, dieci anni fa erano il 68,7%. Del resto nella Relazione del ministro della Salute al Parlamento in materia di alcol, pubblicata circa un mese fa, l'Italia compare come il Paese che '…occupa il posto più basso nella graduatoria relativa al consumo annuo pro capite di alcol puro: tale parametro nel 2009 ha raggiunto i 6,9 litri, valore che si presenta in costante calo, molto maggiore di quello registrato dalla media dei Paesi dell'Unione europea".

"La relazione - continua Contel - evidenzia il drastico calo occorso nel periodo 1970-2000 che vede i consumi di bevande alcoliche discendere del 33% circa. Se includiamo il 2010 i consumi scendono a 9,1 L pro capite. L'Italia ha perciò disceso a ritmo vertiginoso la scala del consumo totale posizionandosi stabilmente nella fascia dei Paesi a minor consumo nella famiglia dei Paesi Oms".

"La tendenza dei dati italiani - afferma Enrico Tempesta, presidente del Laboratorio scientifico dell'Opga - mostra una consolidata riduzione dei consumi. Ciò evidenzia l'efficacia delle politiche alcologiche esistenti e l'attenzione crescente, da parte dei servizi sanitari e degli operatori verso le popolazioni a rischio, le più bisognose di interventi dedicati e di attenzione specifica. Con riferimento ai giovani ed ai giovanissimi è necessario insistere su politiche di prevenzione individualizzate su quelle classi di età più basse che sono poi quelle meno sensibili al riconoscimento dei rischi di abuso, anche se i giovani italiani hanno una consapevolezza maggiore dei coetanei europei sui rischi derivanti da un alto consumo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza