cerca CERCA
Giovedì 02 Dicembre 2021
Aggiornato: 17:56
Temi caldi

Alfano assicura: "Il problema degli stipendi delle forze dell'ordine sarà risolto"

13 settembre 2014 | 18.57
LETTURA: 3 minuti

Il ministro dell'Interno, intervenendo alla festa dell'Udc a Chianciano Terme: "La decisione è presa, ora dobbiamo individuare lo strumento tecnico e il veicolo di legge più veloce per risolverlo". E sottolinea: "Mi auguro che i sindacati non facciano passi falsi". Sul lavoro, "è ora di rottamare le vecchie regole per dare libertà di assumere"

alternate text
(INFOPHOTO)

"Abbiamo già assunto la decisione e la decisione è presa. Il problema dello sblocco stipendiale delle forze dell'ordine sarà risolto". Lo ha detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano intervenendo alla festa dell'Udc a Chianciano Terme. "Ora dobbiamo individuare lo strumento tecnico e il veicolo di legge più veloce per risolverlo. Mi auguro - ha aggiunto - che i sindacati non facciano passi falsi perché il problema è stato risolto".

"Noi siamo dalla parte degli uomini e delle donne in divisa che ci proteggono tutti i giorni, che difendono il nostro Paese e le nostre comunità" ha detto il ministro. " Anche se hanno sbagliato nei toni , quegli uomini e quelle donne non vanno sacrificati ulteriormente''.

Capitolo 'Lavoro' - Parlando degli altri temi caldi nell'agenda del governo, Alfano ha poi aggiunto: "Un conto è rottamare parte del proprio partito, un conto è avere la forza di rottamare vecchie regole del lavoro che danno più libertà a chi assume e al popolo delle partite Iva che hanno retto alla crisi".

Alfano ha ricordato le parole che "usa il segretario del Pd e presidente del Consiglio, quando dice che quello sull'articolo 18 è stato un dibattito estivo. Ma io voglio rivedere lo Statuto dei lavoratori".

Liste elettorali bloccate - Sul fronte della disaffezione degli italiani dalla politica, "ciascuno si renda conto di quanto le liste elettorali bloccate abbiano fermato e aggravato il fenomeno della casta, il distacco dalla politica e il successo di Grillo" ha detto il ministro, che ha aggiunto: "Il danno che hanno fatto le liste bloccate nel senso di rifiuto nella gente è stato peggiore di quello delle inchieste giudiziarie".

Elezioni Consulta - A proposito della mancata elezione dei due giudici della Consulta da parte della Camere, "abbiamo lavorato per far sì che il Parlamento non desse l'idea di una paralisi: non ce l'abbiamo fatta per le divisioni interne ai partiti, ad altri partiti, non al nostro".

"Speriamo - ha detto Alfano - che la prossima settimana si possa definitivamente votare e avere finalmente due giudici per completare l'organismo più importante dal punto di vista dell'essere giudice delle leggi del nostro Paese".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza