cerca CERCA
Sabato 16 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:32
Temi caldi

Alimenti: microbiologo, E.Coli trovato in formaggio fra ceppi piu' cattivi

15 febbraio 2014 | 12.18
LETTURA: 2 minuti

Milano, 15 feb. (Adnkronos Salute) - L'Escherichia coli trovato nel formaggio Roquefort Carrefour, di ceppo Stec come segnalato dal ministero della Salute tramite la Commissione europea, "è tra quelli più pericolosi. Può provocare gastroenterite violenta con febbre, diarrea e vomito, quindi con il rischio di disidratazione. Nei casi più gravi si potrebbe anche arrivare alla sindrome uremico-emolitica, con grave insufficienza renale e a volte anche morte". Lo spiega all'Adnkronos Salute Pierangelo Clerici, presidente Amcli (Associazione microbiologici clinici italiani) e primario di Microbiologia all'ospedale di Legnano, nel Milanese.

"Non deve tuttavia passare il messaggio - tiene a precisare l'esperto - che l'E. coli sia un batterio sempre così patogeno. Si tratta infatti di un enterobattere ubiquitario, presente nell'intestino sia dell'uomo che dell'animale, e ne esistono numerosissimi sierotipi", dunque non necessariamente 'cattivi' come gli Stec. Inoltre, "la sintomatologia varia moltissimo anche a livello individuale": poiché infatti l'azione del batterio dipende dall''aggancio' a specifici recettori gastrici, "conta molto il grado di ricettività della singola persona". In generale, "anziani e bambini sono le categorie più fragili, ma la sintomatologia può essere importante anche negli adulti, magari deperiti per malattie concomitanti come ad esempio un'influenza".

Il consiglio del microbiologo, in caso di sintomi gastrointestinali come quelli descritti, è di "recarsi subito in un pronto soccorso ospedaliero. E' importante - avverte - rivolgersi a un centro in cui siano presenti un infettivologo e un microbiologo, riferire ai sanitari gli alimenti assunti in modo che possano partire indagini mirate con coprocoltura. La cosa fondamentale è individuare tempestivamente e con precisione il ceppo che ha scatenato i sintomi, così da scegliere l'antibiotico più adatto ed efficace". Commentando l'avviso lanciato da Lungotevere Ripa, Clerici conclude: "E' la dimostrazione che l'Italia, tramite il ministero della Salute e la rete di allerta, è in grado di intervenire rapidamente" in caso di rischi per la salute pubblica. "Perciò si eviti ogni allarmismo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza