cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato: 23:48
Temi caldi

Alitalia-Etihad, Lupi: ''Tempi rispettati. In settimana sarà chiusa la due diligence''

02 aprile 2014 | 17.44
LETTURA: 3 minuti

alternate text

''I tempi saranno rispettati'' e ''in settimana arriverà la conclusione del lavoro che le due aziende hanno svolto in questi mesi''. Ad affermarlo è stato il ministro per le Infrastrutture e i Trasporti, Maurizio Lupi, rispondendo alle domande dei parlamentari in Commissione Trasporti della Camera sugli sviluppi della trattativa tra Alitalia ed Etihad e sulla conclusione della fase di due dilingence attesa in questi giorni.

''Si tratta - ha puntualizzato Lupi - di due aziende private. L'interesse del Governo è incentrato sulla strategicità del piano industriale, che porti tutele occupazionali e sviluppo. Il governo interviene per le doverose competenze di chi fa politica''. Il ministro si è detto convinto che questa ''sarà una grande opportunità di rilancio non solo per gli aeroporti ma per l'intera offerta europea e mondiale. L'Italia è considerato infatti non un hub regionale ma internazionale''.

Come ha poi spiegato Lupi, parlando con i giornalisti a margine dell'audizione, i contatti con i vertici di Alitalia, ''nel rispetto del ruolo che il Governo ha in questa vicenda'', sono ''costanti''. ''La settimana scorsa - ha riferito - ho incontrato il ceo di Etihad, James Hogan, che ha indicato che questa settimana ci saranno elementi per arrivare alla chiusura di questa fase in vista della trattativa finale''.

AEROPORTI - Durante l'audizione, Lupi ha annunciato che il nuovo piano nazionale degli aeroporti arriverà la prossima settimana sul tavolo del Consiglio dei ministri. ''Il solo fatto di aver presentato le linee guida - ha detto Lupi - ha dato certezza agli investitori sul fatto che il Paese ha un piano strategico''. Il nuovo piano, ha spiegato, sarà varato tramite un Dpr ''in modo tale da comportare il parere della Conferenza Stato-Regioni e il confronto con le Commissioni di Camera e Senato''. Le linee generali erano state presentate in Consiglio dei ministri lo scorso gennaio. Il ministro Lupi ha ricordato come il nuovo piano individui 11 aeroporti di interesse nazionale e strategico che ''devono rispondere tutti agli stessi criteri: avere un piano industriale che indichi in quanti anni si raggiunga il pareggio, la collocazione sul territorio, quanto facciano rete con le altre infrastrutture''.

FS - Lupi ha anche tenuto a chiarire che non c'è ''alcuna polemica'' con l'ad del gruppo Fs Mauro Moretti. ''Credo comunque che a chi guadagna 70mila euro al mese gli si può chiedere di quadagnare un po' meno. Non c'è nessuna polemica con Moretti. L'insistenza è che attui tutte, e non solo alcune, delle nostre indicazioni strategiche e su questo misureremo i risultati''. ''Fare utili'', ha detto, non è l'unico obiettivo delle Ferrovie.

SICUREZZA STRADALE - Sul fronte della sicurezza stradale, Lupi ha sottolineato la centralità del ''tema della chiarezza delle norme''. "Auspico che entro la fine dell'anno ci sia il nuovo codice della strada", ha detto il ministro.

PORTI - Anche il sistema portuale al centro dell'intervento del ministro che ha annunciato: ''Già dalle prossime settimane possiamo dare come Governo un segnale importante presentando la riforma''.

AUTHORITY - Infine dal ministro arriva una raccomandazione: "L'Autorità dei Trasporti deve diventare un punto di riferimento. Ma ce ne sono altre e penso che sia il momento di pensare ad una riorganizzazione complessiva delle altre Autorità". ''Ci sono - ha rilevato - 19 tra Autorità e consociate, mi sembra che non sia un numero basso. Come Governo, possiamo pensare a riorganizzare o accorpare le competenze''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza