cerca CERCA
Martedì 28 Giugno 2022
Aggiornato: 08:26
Temi caldi

Danza: all'Opera di Roma il saggio degli allievi

10 luglio 2016 | 13.14
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Finalmente in scena. Gli allievi della Scuola di Danza del Teatro dell'Opera di Roma, diretta da Laura Comi, saliranno sul palcoscenico del Teatro Costanzi martedì prossimo per il Saggio spettacolo di fine anno. In programma per i giovani danzatori, che potranno così mostrare il livello di bravura raggiunto, due creazioni e un estratto dal repertorio classico.

Le due creazioni appositamente realizzate per il saggio, sono firmate dai coreografi Alessandro Bigonzetti e Massimo Moricone. Di Bigonzetti è la coreografia 'Concerto in Oro' su musica di Franz Schubert, mentre Moricone firma la coreografia 'Untitled' su musica di Skrjabin e Rachmaninov. Ofelia Gonzalez e Pablo Moret riprendono invece la coreografia di Petipa de 'La Bayadère Divertissement' su musica di Minkus.

L’allestimento è del Teatro dell’Opera di Roma, la consulenza e gli arrangiamenti musicali sono di Giuseppe Annese, le scene di Michele della Cioppa, i costumi a cura di Anna Biagiotti e le luci di Patrizio Maggi.

Fuortes, la Scuola è un tassello fondamentale della fondazione

"La Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma con la sua attività formativa è un tassello fondamentale della Fondazione - afferma il sovrintendente Carlo Fuortes - insieme agli altri percorsi educativi messi in campo. La crescita artistica dei più giovani è una cosa seria alla quale bisogna prestare la massima attenzione. Il Saggio Spettacolo è il risultato di un intero anno di lavoro, una possibilità per misurarsi con il grande palcoscenico del Teatro Costanzi. È anche un appuntamento di bilancio per i ragazzi, per le loro famiglie e per noi tutti".

"Il Saggio Spettacolo è il momento conclusivo dell’anno scolastico più importante - osserva Laura Comi - durante il quale tutti gli allievi possono mostrare ai loro genitori e al pubblico, che fedele e appassionato ci segue in ogni occasione, il livello tecnico e interpretativo di studio acquisito. Questo accade, attraverso tre diversi momenti coreografici. La prima parte a cura del maestro Alessandro Bigonzetti con la coreografia 'Concerto in Oro' coinvolge tutti gli allievi. La seconda parte, dedicata al contemporaneo, con 'Untitled', a cura del maestro Massimo Moricone porta in scena gli allievi dei corsi intermedi e superiori".

Bigonzetti, un gran piacere oltre che un onore creare coreografia per Scuola Danza Opera

"A conclusione della serata 'La Bayadère Divertissement', coreografia ripresa dai maestri Ofelia Gonzalez e Pablo Moret, in cui i ragazzi hanno modo di cimentarsi, attraverso un estratto di un balletto del repertorio classico, in diverse e caratteristiche danze. Vorrei esprimere la mia soddisfazione per questo anno di duro lavoro, augurando ai miei ragazzi una serata, quella del 12 luglio, speciale in cui raccogliere i frutti e godere dei risultati di un percorso di studi impegnativo e rigoroso", conclude Comi.

"E’ un gran piacere oltre che un onore - sottolinea Bigonzetti - creare un coreografia per la Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma. La parte accademica, da me realizzata, coinvolge l’intero organico di allievi, dai bambini fino ai ragazzi dell’ottavo corso con i quali il motivo coreografico abbandona lievemente le linee del classico puro per avvicinarsi ai movimenti neoclassici. Tra adagi e allegri di chiara fama si sviluppano una serie di Pas de deux, assoli e momenti corali di rigorosa musicalità. Il titolo 'Concerto in Oro' nasce dal concetto di prezioso: i giovani allievi sono preziosi e sono il futuro della danza professionale".

"'Untitled', sintesi del percorso laboratoriale tracciato durante l’anno, è una struttura compositiva in cui si alternano e si combinano esperimenti di improvvisazione su sonorità elettroniche e preludi di Skrjabin e Rachmaninov", conclude Moricone.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza