cerca CERCA
Sabato 31 Luglio 2021
Aggiornato: 20:43
Temi caldi

Moda: Altaroma e Comune insieme per percorso atelier in periferia

16 luglio 2014 | 19.15
LETTURA: 4 minuti

Proiettati sul Complesso monumentale di Santo Spirito in Sassia progetti di street art. Sfilano anche gli allievi della Scuola 'Ida Ferri' e gli stilisti emergenti polacchi. E a settembre torna la Vogue Fashion’s Night Out.

alternate text

Ripartire dai giovani talenti delle periferie, favorire l’emersione e il networking delle eccellenze, avvicinare le griffes agli atelier locali. Una nuova e inedita sinergia tra 'centro' e 'periferia' è il cuore della partnership tra l’assessorato allo Sviluppo delle periferie del Comune di Roma e Altaroma. Un’intesa che nasce nell’ambito della manifestazione AltaRomAltaModa sotto l’egida della street art e della ‘grande bellezza’ delle periferie.

Ieri e oggi, dopo l’inaugurazione della mostra 'Dain | Tribute to Rome', che ha portato per la prima volta in Italia un’esibizione dello street artist americano Dain, sono state infatti proiettate sulla facciata del Complesso monumentale di Santo Spirito in Sassia le opere degli artisti coinvolti nei progetti SanBa, Poeti der Trullo e Avanguardie Urbane Street Art Festival, progetti promossi o sostenuti da Roma Capitale come percorso partecipato e creativo per valorizzare le periferie. Gli obiettivi dell’inedita partnership riguardano lo sviluppo di percorsi di autopromozione sociale orientati alla nascita di start up, atelier e laboratori di moda a cura di giovani talenti delle periferie, la realizzazione di una mappatura delle realtà artigianali legate al design, alla creatività e all’innovazione e la facilitazione del networking con gli operatori del settore moda, allo scopo di dare valore e visibilità alle eccellenze locali.

A colorare i muri del Complesso Monumentale di Santo Spirito in Sassia grazie alle proiezioni allestite da Altaroma, sono stati per due giorni i murales di SanBa, progetto realizzato da Walls che ha interessato il quartiere di San Basilio attraverso il coinvolgimento dei cittadini e di artisti internazionali per il recupero delle facciate ‘cieche’ dei palazzi, ma anche le street poetries dei 'Poeti der Trullo', poesie di strada volte a comunicare le ambizioni della periferia attraverso l’ironia e il bello. E le iniziative di Avanguardie Urbane Roma Street Art Festival 2014, che hanno visto i protagonisti i più importanti artisti francesi e italiani in un viaggio comparato tra i linguaggi della street art di nuova generazione.

“Grazie all’incontro tra Roma Capitale e Altaroma, nasce una nuova sinergia tra centro e periferia. Uno scambio che è artistico, con la vetrina dei nostri progetti di street art, ma anche e soprattutto orientato allo sviluppo”, ha affermato l’assessore allo Sviluppo delle periferie, Paolo Masini. “Con questa intesa infatti - ha proseguito - vogliamo mappare, mettere in rete e valorizzare start up, laboratori e atelier dei giovani talenti creativi dei nostri quartieri, per favorire la nascita di centri di eccellenza e di un nuovo legame tra grandi marchi e giovani realtà locali. Tutto questo attraverso l’autopromozione sociale, lo strumento che stiamo rilanciando per dare nuove opportunità ai giovani delle nostre periferie”.

“Altaroma si sta delineando sempre più come un contenitore in grado di accogliere la creatività - ha dichiarato Adriano Franchi, direttore generale di Altaroma - intesa come incrocio tra le sue diverse forme espressive e i suoi molteplici linguaggi. Quest’anno la street art è stata l’occasione che ha aperto un dialogo fattivo con l’assessorato allo Sviluppo delle periferie, che ha consentito, da un lato, di ospitare nella manifestazione AltaRomAltaModa la scena creativa nata nei quartieri periferici della Capitale e, dall’altro, di riconoscere in Altaroma un partner con le competenze utili per individuare, valorizzare e mettere a sistema, il patrimonio creativo e produttivo del territorio".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza