cerca CERCA
Lunedì 26 Luglio 2021
Aggiornato: 22:42
Temi caldi

Amelio, Martone e Montaldo Museo contro stop al Museo Neorealismo a Fondi

10 agosto 2016 | 17.16
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Dall'imminente apertura allo stop deciso nel collegato al bilancio della Regione Lazio. Non c'è pace per il Museo del Neorealismo che doveva nascere a Fondi. Contro il dietrofront della politica alla nascita della struttura, il cui progetto risale al 2007 grazie all'impegno dell'allora presidente dell'Associazione 'Giuseppe De Santis', Carlo Lizzani, e del direttore Ettore Scola, hanno deciso di protestare con una lettera le nuove cariche direttive dell'associazione: il presidente onorario Giuliano Montaldo, il presidente Gianni Amelio e il direttore Mario Martone. Nella missiva al governatore Zingaretti, alla Giunta e ai consiglieri, i registi chiedono di "voler riconsiderare l’affrettata decisione di cancellare, senza nessuna motivazione, un’iniziativa tanto importante e prestigiosa per l’intera Regione".

"Anche i sindaci del comprensorio di Fondi - afferma l'Associazione De Santis - avevano inviato un appello alla Giunta e al Consiglio regionale affinché si portasse finalmente a compimento una iniziativa di notevole spessore culturale con potenzialità di sviluppo turistico delle province del Lazio meridionale. Confidando nella bontà della proposta progettuale continueremo a portare avanti la nostra iniziativa - prosegue l'associazione - anche con incontri pubblici e la divulgazione di documenti che ripercorrono il travagliato iter del Museo del Neorealismo, con la speranza che la Regione Lazio voglia riprendere il progetto e definitivamente approvarlo".

"Questa associazione, istituita nel 2009, ha appreso con stupore e rammarico che nella giornata del 29 luglio scorso la Commissione Bilancio, su decisione della Giunta, ha eliminato dal collegato al bilancio l’articolo 13 che istituiva il Museo del Neorealismo - ricordano i registi - La decisione, che ha origine dalla volontà della Giunta, autrice della proposta di legge di istituire a Fondi il Museo del Neorealismo in immobile regionale e con disponibilità finanziarie immediate, non è stata supportata da alcuna motivazione".

Secondo i vertici dell'Associazione De Santis "anche l’opposizione, con l’esclusione del Movimento 5 Stelle che ha proposto emendamenti migliorativi, aveva chiesto di eliminare o sostituire l’articolo in questione con altre iniziative. Si è trattato di una decisione, che si ritiene improvvida, che annulla una iniziativa di notevole spessore culturale con potenzialità di sviluppo turistico del Lazio meridionale, proposta e sostenuta da circa un decennio dalla nostra associazione".

Amelio, Montaldo e Martone osservano come "nel corso degli anni le giunte regionali che si sono succedute (Marrazzo, Polverini, Zingaretti) sono state interessate alla verifica della fattibilità del museo. Dopo un primo incontro avuto nel 2014 con gli assessori all’Ambiente e alla Cultura, il 14 ottobre 2015 Ettore Scola, allora direttore dell’Associazione, inviò una lettera al presidente Zingaretti con la quale chiedeva di dare un decisivo impulso alla realizzazione del progetto - ricostruisce l'associazione - anche in vista del centenario della nascita di Giuseppe De Santis nel 2017.

"In un incontro svoltosi nel successivo mese di novembre, alla presenza dell’assessore alla Cultura, di una rappresentante della segreteria del presidente della Giunta e dello stesso Ettore Scola, si confermò la volontà della Regione di portare a compimento il progetto del museo.Tale volontà - chiosano gli autori della lettera - si è tradotta nell’inserimento dell’articolo 13 del collegato al bilancio, che il presidente Zingaretti ha motivato nella conferenza stampa di presentazione della proposta di legge". Articolo poi eliminato dalla Commissione bilancio del Consiglio regionale.

La speranza ora è che la politica torni sui suoi passi. La Giunta potrebbe farlo ad esempio a settembre - auspicio anche dell'associazione De Santis e dei cittadini di Fondi - con una delibera 'ad hoc' che istituisca una volta per tutte il Museo del Neorealismo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza