cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 08:39
Temi caldi

Amnesty: "Bendare è un atto illegale"

28 luglio 2019 | 13.46
LETTURA: 2 minuti

Per il portavoce Riccardo Noury, occorre "riflettere sul clima d'odio alimentato attraverso i social"

alternate text
Riccardo Noury, il portavoce di Amnesty international - (Foto Amnesty)

“È inammissibile che una foto del genere sia stata scattata ed è gravissimo che sia stata diffusa. Quell'immagine disturba, preoccupa: è evidentemente un atto illegale tenere una persona legata, bendata durante un interrogatorio”. Così all’Adnkronos Riccardo Noury, il portavoce di Amnesty international Italia in merito alla foto che ritrae uno dei due americani indagati per l’omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega mentre viene interrogato in caserma davanti a un pc con una benda agli occhi.

Apprezziamo l’indagine interna avviata immediatamente dall’Arma – prosegue Noury - e ci auguriamo che fornisca tutti i chiarimenti necessari. Voglio rimanere su questo aspetto: stiamo commentando una foto e non c’è altro”, rileva.

Secondo il portavoce di Amnesty international Italia, "è bene che ci sia stata una immediata condanna da parte vertici dei carabinieri ed è necessario riflettere su quanto il discorso d’odio e le parole incendiarie come quelle usate per tutta la giornata di venerdì possano creare un clima in cui si verificano fatti come quelli ripresi della fotografia”.

Noury, in particolare, si riferisce “al ministro dell’Interno che ha parlato di lavori forzati e pena di morte – precisa - a tutto il discorso d’odio che si è trascinato sui social per ore”. A fronte di questi elementi, conclude Noury, “bisognerebbe darsi tutti una calmata”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza