cerca CERCA
Lunedì 06 Febbraio 2023
Aggiornato: 13:16
Temi caldi

Anarchici, Cospito: "41bis inferno dal quale mai mi faranno tornare"

19 gennaio 2023 | 12.10
LETTURA: 3 minuti

Il legale, avv. Albertini Rossi: "In cella 21 ore al giorno davanti alla tv e i libri sono merce rara"

alternate text
Fotogramma /Ipa

"E' l'inferno dal quale mai mi faranno tornare a riveder le stelle". Alfredo Cospito, detenuto al carcere di Bancali, ha descritto così al suo avvocato Flavio Albertini Rossi la sua vita al 41bis. "C'é una finestra nella cella di due metri e mezzo per tre metri e mezzo - racconta il suo legale all'Adnkronos - una finestra schermata dal plexiglass che non si apre quasi mai e che si affaccia, al di là delle sbarre, su un cubicolo interno circondato da muri di cemento alti metri e metri, schiacciati da una rete metallica a chiudere il quadrato di cielo. Cospito vive in quella cella da solo, come impone il regime carcerario al quale è sottoposto, ci passa 21 ore della sua vita. Le restanti tre le divide tra socialità, un colloquio di un'ora con gli altri 3 detenuti del suo gruppo di socialità, e due ore d'aria in quella sorta di cubicolo di cemento dal quale non può vedere un albero, una siepe, un fiore o un filo d'erba, un colore, solo sbarre e cemento".

Leggi anche

"Qual è la finalità di questo trattamento, il 41 bis non dovrebbe servire unicamente a recidere le comunicazioni con gli associati all'esterno del penitenziario? Rappresenta una punizione aggiuntiva oppure il tentativo di indurre il detenuto a fare ciò che volontariamente non farebbe mai? - chiede allora l'avvocato dell'anarchico - Perché rinchiudere queste persone esclusivamente in istituti penitenziari che si trovano su isole, costringendo i parenti a raggiungerli con viaggi-odissee per parlarci una sola ora al mese attraverso un vetro con il citofono? Perché consentirgli una sola telefonata al mese, chiaramente registrata, in alternativa al colloquio visivo, e per soli 10 minuti? Perché - incalza - non consentirgli di sentire e vedere i familiari con maggiore frequenza, quale scopo persegue questa disciplina?".

"Cos'è il 41 bis? Una micro sezione dove si è costretti a vegetare in cella 21 ore al giorno, altro che rieducazione ed articolo 27 della Costituzione. No, Cospito non ha una vocazione suicida, non vuole morire, ha tanta voglia di vivere - dice ancora l'avvocato Albertini Rossi all'Adnkronos - ma vorrebbe farlo degnamente. Solo 204 detenuti su 750 sono condannati all'ergastolo, ciò vuol dire che moltissimi di loro transitano dal 41 bis alla libertà. Ha senso tutto questo? Per i detenuti nemmeno il conforto dei libri, la merce più rara per quanti si trovano al 41 bis: o non li autorizzano, come avvenuto con quelli scritti dalla Cartabia o da Manconi solo per citarne alcuni, o, quando permessi, sono consegnati al con estremo ritardo. La biblioteca di reparto, poi, è composta di soli 170 testi, per lo più puerili e infantili".

"Alfredo Cospito è in sciopero della fame dal 20 ottobre scorso - racconta ancora il suo legale - assume solo gli integratori che gli permettono di sopravvivere. E' una sua scelta non mangiare, anzi prima del 20 ottobre scorso mi ha sempre descritto come buona la qualità del cibo a Bancali. Ti nutrono certo, ma sempre lì stai, in un regime che recide totalmente qualsiasi relazione umana, dove non vedi la natura, dove lo sguardo privo di profondità abbassa la vista, dove sei sottoposto a prescrizioni il cui l'unico scopo è avvilirti, umiliarti, fiaccarti, piegarti, privarti di identità e dignità. Come un pesce rosso ben nutrito, costretto a nuotare in un acquario dove tutto è sempre uguale a se stesso".

(di Silvia Mancinelli)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza