cerca CERCA
Giovedì 16 Settembre 2021
Aggiornato: 12:43
Temi caldi

Farmaci

Antibiotici, in Italia prescrizione 50% più alta della media

07 novembre 2019 | 16.43
LETTURA: 2 minuti

La resistenza antimicrobica - ricorda l'Ocse - rappresenta un grave rischio per la salute pubblica, oltre a costituire un onere di spesa sanitaria e per l’economia nel suo insieme

alternate text
(Foto Fotogramma)

In Italia la prescrizione di antibiotici attraverso i servizi di assistenza territoriale è superiore di oltre il 50% alla media Ocse. E' quanto emerge dal rapporto 'Health at a Glance 2019' dell'Ocse.

La resistenza antimicrobica - ricorda il report - rappresenta un grave rischio per la salute pubblica, oltre a costituire un onere di spesa sanitaria e per l’economia nel suo insieme. Una prescrizione eccessiva e inappropriata di antibiotici contribuisce alla diffusione di microrganismi resistenti agli antimicrobici.

Nel 2017 in Italia il volume totale di antibiotici prescritti nelle cure primarie era di 28 dosi giornaliere definite per 1.000 abitanti, il secondo più alto nell’Ocse, rispetto a una media di 18 tra i paesi Ocse. Il nostro Paese ha inoltre tassi di infezione associati all’assistenza sanitaria (Iaas) superiori alla media, con quasi il 6% dei pazienti ospedalizzati che hanno almeno una infezione ospedaliera. Queste infezioni possono essere mortali e contribuire fino al 6% della spesa ospedaliera. I batteri resistenti agli antibiotici possono rendere le infezioni ospedaliere difficili o addirittura impossibili da trattare. Secondo l'Ocse è necessario attuare politiche per combattere la diffusione della resistenza antimicrobica.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza