cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 12:58
Temi caldi

Parla la difesa

"Antinori è un genio e l'infermiera ha fregato tutti"

31 gennaio 2018 | 13.55
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

L'infermiera che punta il dito contro Severino Antinori è inattendibile, secondo la difesa del ginecologo. "Ha raccontato un sacco di palle, una serie impressionante di palle: dalle modalità con cui si è conosciuta con Antinori, al fatto che con lui avrebbe discusso soltanto di un rapporto di lavoro", inoltre, quando parla alla procura "racconta tutta un'altra cosa rispetto a quanto accertato nel corso del processo". E' uno dei passaggi dell'arringa di Carlo Taormina, difensore del noto medico accusato del prelievo forzoso di ovociti ai danni di una giovane infermiera spagnola nell'aprile 2016 nella clinica Matris. 

Per la difesa "c'è una carenza di fondo nell'indagine della procura", in alcuni passaggi dell'inchiesta a dire dei legali "c'è qualcosa che non torna". Il procedimento si apre su "notizie false e calunniose". Se Antinori - accusato anche di rapina, violenza privata e lesioni - è un uomo "generoso, un genio" e "ha detto la verità", l'accusatrice "ha fregato pubblico ministero e polizia giudiziaria all'inizio e ha cercato di fregare anche voi", dice Taormina rivolto ai giudici. Nella ricostruzione della violenza "ci sono dei buchi. Ricorda tutto, di essere stata afferrata ma non chi la spoglia. Se ci fosse stata la possibilità di dare la prova, di mostrare i vestiti strappati dalla violenza, li avremmo trovati, li avrebbe consegnati", sottolineano i legali di Antinori. Dall'accusatrice arrivano altre "piccole menzogne" in un quadro in cui "è tutto studiato, per dare la sensazione di verità" ma quelle presunte rivelazioni "risultano false o rappresentano in maniera eccessiva la realtà". 

L'infermiera "non è attendibile, quello che è stato rappresentato è tutto strumentale, voi non avete molte scelte e non potete non riconoscere le falsità che sono state disseminante". La difesa, rappresentata anche dagli avvocati Gabriele Vitiello e Tommaso Pietrocarlo, parla di "errori metodologici" e chiede l'assoluzione da tutti i capi di imputazione per "restituire ad Antinori quello che gli spetta". Il processo non si chiuderà oggi e la data della sentenza resta ancora da fissare. 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza