cerca CERCA
Lunedì 02 Agosto 2021
Aggiornato: 14:18
Temi caldi

Aperto a Roma il testamento di Aurelia Sordi: tutto il patrimonio alla Fondazione

23 ottobre 2014 | 13.25
LETTURA: 3 minuti

La sorella del grande attore italiano ha lasciato tutto alla Fondazione 'Museo Alberto Sordi'. Il documento risulta redatto il 21 aprile 2011. Un tesoro da 30 mln /Fotogallery. "La casa diventi un museo", la proposta di Dario Franceschini

alternate text
Aurelia con Alberto Sordi (Infophoto) - prisma

Aperto a Roma il testamento di Aurelia Sordi alla presenza del notaio Alfredo Maria Becchetti. La sorella del grande attore italiano ha lasciato tutto il suo patrimonio alla Fondazione 'Museo Alberto Sordi'. Il documento risulta redatto il 21 aprile 2011.

"L'attesa per la pubblicazione - spiega in una nota il notaio Alfredo Maria Becchetti - è dipesa dalla necessità di ottenere l'estratto del certificato di morte della signorina Aurelia, consegnato dall'ufficio anagrafe del Comune di Roma al notaio solo" giovedì mattina.

"La Fondazione 'Museo Alberto Sordi', regolarmente riconosciuta, è stata costituita in data 31 marzo 2011 ed ha quale scopo principale la istituzione e la gestione del Museo Alberto Sordi. Il Presidente della Fondazione era la Signora Aurelia Sordi. Il contenuto del testamento - aggiunge - verrà comunicato secondo le forme di legge all'erede nominato, il quale, oltre ai beni mobili, denaro e titoli, erediterà la storica villa di Via Druso 45 e le quote di capitale della società 'Campus Biomedico' di Roma, detenute dalla signorina Sordi".

La Fondazione, si legge in una nota, "consapevole dell'alto compito a cui è stata chiamata, esprime gratitudine per tale decisione e vuole in primo luogo ricordare con affetto Aurelia che ha dedicato la propria intera vita al fratello preservandone con cura amorevole la memoria". "Venuta ad esistenza per iniziativa di Aurelia", la Fondazione "porrà quindi in essere ogni sforzo perché venga attuata la volontà che fu già di Alberto Sordi e poi della sorella, che la loro casa fosse destinata a sede museale e ricorda che fin dal 2004 Aurelia concretizzò tale intenzione con accordi preliminari con l'allora sindaco di Roma On. Walter Veltroni".

L'auspicio della Fondazione è "di poter realizzare questo ambizioso progetto unitamente alle Istituzioni romane e nazionali e dunque ha appreso con soddisfazione dell'iniziativa del Ministro dei Beni Culturali, On. Dario Franceschini, che, nei giorni scorsi, ha già formalmente avviato il procedimento perché la 'Casa di Alberto Sordi' venga dichiarata di interesse culturale e che, pertanto, venga promossa la sua destinazione a sede museale. La Fondazione auspica dunque che le Istituzioni vorranno ulteriormente confermare il proprio impegno per la realizzazione di tale progetto certamente importante per Roma e che potrà anche costituire un contributo per la valorizzazione del settore cinematografico".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza