cerca CERCA
Mercoledì 29 Settembre 2021
Aggiornato: 00:01
Temi caldi

"Aperture a campione", la proposta di Marino a Conte

29 aprile 2020 | 22.19
LETTURA: 1 minuti

alternate text
Fotogramma

"Studiando i dati dell'Italia sulla prevalenza del Coronavirus le differenze sono statisticamente significative. Osservando i dati dal punto di vista scientifico e lasciando quindi da parte emozioni e conflitti politici mi pongo una domanda". Inizia così il post di Ignazio Marino, che propone via social al governo un'alternativa alle misure pensate per la Fase 2 - 'taggando' il premier Conte e il ministro Speranza con il suo vice Sileri -, con aperture a campione solo in alcune regioni e per 14 giorni.

"Vi sono 6 Regioni con un numero assai basso di persone positive. Unendo la popolazione di 3 di esse - spiega infatti Marino - si raggiungerebbe un campione di oltre 3 milioni di abitanti. Perché Giuseppe Conte non prende in considerazione di avviare nuovamente tutte le attività, per 14 giorni (mantenendo distanziamento sociale e mascherine), solo in un campione circoscritto esercitando la massima attenzione a una diagnosi precoce di eventuali nuove infezioni? Non sarebbe difficile sollecitare - scrive ancora - la disponibilità a segnalare immediatamente alcuni sintomi precisi e ad isolare i pazienti con tempestività. L'Italia avrebbe un test reale e senza sfidare la fortuna si potrebbe avviare il Paese alla necessaria ripresa riducendo il rischio. Immagino che Roberto Speranza e Pierpaolo Sileri ci abbiano pensato ma mi piacerebbe sapere cosa ne pensano gli Italiani e la comunità scientifica", conclude Marino.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza