cerca CERCA
Martedì 30 Novembre 2021
Aggiornato: 03:08
Temi caldi

Appalti, concluse le indagini per l'ospedale S.Maria Misericordia: cinque indagati

04 ottobre 2014 | 16.18
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Xinhua)

A conclusione di complesse indagini relative a più gare d'appalto del valore di oltre 400.000 euro indette per l’affidamento dei lavori di allestimento del data center del nuovo ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine e di manutenzione di quello esistente, i Carabinieri del Nas di Udine hanno notificato l'avviso di conclusione delle indagini emesso dalla Procura della Repubblica di Udine a carico di due funzionari dipendenti della struttura ospedaliera e di tre persone appartenenti alle ditte aggiudicatarie delle gare.

I cinque sono ritenuti responsabili di avere, mediante collusioni, accordi clandestini ed utilizzando mezzi fraudolenti, turbato la regolarità delle gare affinché la fornitura ed installazione del nuovo data center e la manutenzione di quello esistente, clandestinamente pilotate, fossero aggiudicate alle ditte coinvolte. Ad uno degli indagati è stato contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico per avere, in qualità di legale rappresentante, ed al fine di aggiudicarsi la gara in questione, attestato falsamente il possesso dei requisiti necessari a parteciparvi.

Le indagini sono state condotte tra giugno 2013 e agosto 2014 ed in tale periodo sono state eseguite diverse perquisizioni anche con sequestri di materiale informatico, dalla cui analisi è emerso che in uno dei pc sequestrati ad una delle persone coinvolte era presente, già mesi prima che fosse indetta, il capitolato d'appalto della gara che poi si sarebbe aggiudicato. Dei fatti è stata informata anche la Magistratura Contabile.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza