cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 01:11
Temi caldi

Festival Roma: applausi e risate per gli universitari al bivio di Roan Johnson

22 ottobre 2014 | 14.35
LETTURA: 3 minuti

Nella sezione Prospettive Italia la commedia 'Fino a qui tutto bene', autoprodotta dal regista con il cast e nelle sale dal 29 gennaio 2015. Nel film l'ultimo weekend di cinque universitari nella casa che hanno condiviso negli anni degli studi. Li attendono scelte diverse tra lavoro e vita privata.

Applausi e risate a scena aperta al Festival di Roma per la proiezione della nuova commedia di Roan Johnson, 'Fino a qui tutto bene', presentata nella sezione Prospettiva Italia e nelle sale il 29 gennaio prossimo distribuito da Microcinema. Dopo esperienze come sceneggiatore per la tv ('Il commissario De Luca', 'La strana coppia' e 'Raccontami') e per il cinema ('Ora o mai più' e '4-4-2 - Il gioco più bello del mondo'), Roan Johnson torna dietro la macchina da presa con il racconto di cinque universitari al bivio, alla fine del percorso di studio, alla prese con scelte di lavoro e di vita e l'ingresso definitivo nella vita adulta.

'Fino a qui tutto bene' è infatti il racconto di un weekend, l’ultimo, che cinque ragazzi vivranno insieme nella stessa casa dove hanno abitato e studiato per anni. Il film, interpretato dai giovani attori, Alessio Vassallo, Silvia D’Amico, Melissa Anna Bartolini, Paolo Cioni, Guglielmo Favilla, con la partecipazione di Isabella Ragonese, è nato dalla richiesta rivolta al regista dall'Università di Pisa per un documentario sull'ateneo. "Ma intervistando i ragazzi - spiega Johnson - ci siamo resi conto che il racconto dell'Università sarebbe stato ciclopico e invece ci hanno colpito i mille aneddoti della vita condivisa, dei lavandini otturati, delle liti per gli amori e per le spese del telefono, delle file al bagno al mattino. Racconti di ragazzi che, anzichè lamentarsi per la crisi, hanno un atteggiamento di di sfida positivo. Così abbiamo deciso che la vita degli universitari l'avremmo raccontata così, narrando la fine di quel periodo protetto e acerbo".

Il film è molto originale anche dal punto di vista produttivo, giacchè a produrlo è stato lo stesso regista insieme ai coautori e agli attori. "Spinti dall'entusiasmo e dall'atteggiamento di sfida dei ragazzi che avevamo intervistato, anzichè seguire il classico percorso produttivo che ci avrebbe portato a sentirci dire che avremmo dovuto aspettare, che i soldi erano finiti, che avremmo dovuto scendere a compromessi produttivi , abbiamo deciso di fare da soli, di non arrenderci, di puntare in alto. Insomma -conclude il regista- questo film sull'amicizia è stato fatto grazie agli amici".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza