cerca CERCA
Mercoledì 30 Novembre 2022
Aggiornato: 07:49
Temi caldi

Apprezzamenti spinti a una ragazza, accoltellato alla gola e ucciso

10 ottobre 2016 | 09.59
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(FOTOGRAMMA) - (FOTOGRAMMA)

Una lite scoppiata per futili motivi, una serie di apprezzamenti un po' spinti e poco graditi nei confronti di una ragazza. Dalle prime indiscrezioni trapelate sembra questo il motivo alla base della morte di Fausto Di Marco, 40enne ucciso domenica mattina verso le 5 di mattina a Chieti Scalo, dinanzi a un ristorante di kebab: per ora c'è il fermo con l'accusa di omicidio volontario per E. C., 24enne di Chieti, papà di due bambini.

A lui si è arrivati dopo una giornata intensa di interrogatori di oltre trenta testimoni sfilati in Questura dinanzi al Pm di Chieti, Giancarlo Ciano. Da domenica sera, si trova rinchiuso nel carcere di Madonna del Freddo e nelle prossime ore sarà interrogato alla presenza del suo legale.

Da quanto trapelato, dunque, dopo gli apprezzamenti la discussione è degenerata e si è trasformata in tragedia: Di Marco sarebbe stato colpito in maniera fatale alla gola dal collo di una bottiglia rotta. Quando alcuni passanti lo hanno trovato a terra in una pozzanghera di sangue, non c'era più nulla da fare. Tra oggi e domani l'esame autoptico sul corpo della vittima.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza