cerca CERCA
Domenica 17 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:24
Temi caldi

Moda

Armani: "La moda deve raccontare il presente non evocare il passato"

24 febbraio 2017 | 17.38
LETTURA: 3 minuti

alternate text

"Dobbiamo trovare oggi un nuovo modo di vestire che faccia dire alla gente, tra quarant'anni, 'allora ci si vestiva così'". E' la notazione che Giorgio Armani consegna a fine sfilata, nel terzo giorno di Milano Moda Donna, a conclusione della passerella di Emporio Armani. "Serve una formula di vestire nuova" afferma lo stilista, che spiega di essere consapevole che si tratta pur sempre di "una scelta rischiosa perché puoi decidere di fare una collezione troppo avantgarde o troppo giovane, per un pubblico che non ha tutto questo potere di acquisto". (Fotogallery)

Ma "io vedo che non c'è una moda di 'adesso', nulla che identifichi il tempo in cui viviamo. È tutto un riportare a galla il passato. Che è anche bellissimo, ma questa è la ricerca da fare: qual è il modo di vestire di adesso?". L'invito è a "essere più inventivi e determinati, dobbiamo rischiare di più".

E Armani porta in scena per Emporio una collezione in cui "le gambe non si vedono, mentre vediamo le donne andare in giro con lo stivaletto e mezze nude. La mia scelta è un po drastica, anche penalizzante, ma la donna ne esce in maniera diversa". Una silhouette "lunga" con un "vestito lungo", con un "recupero di una femminilità e movimento di vestiti che non sono rigidi e secchi". (Fotogallery)

In passerella sfila netto il contrasto tra il bianco e il nero, con un dialogo, tipicamente armaniano, di maschile e femminile. Galles, chevron, pois sono dilatato su basi di pvc dalla mano artificiale, spalmati su completi su completi e cappotti dai volumi avvolgenti e sottolineati dai plastron dal sapore black tie. I motivi floreali, le stampe e i ricami paillettes si caratterizzano per un piglio grafico. Il nero assoluto è tagliato da punte di rosso e da un fucsia inedito per la palette di Armani.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza