cerca CERCA
Sabato 16 Ottobre 2021
Aggiornato: 23:27
Temi caldi

Made in Italy: arriva 'Buongiorno ceramica', kermesse dell'Italia artigianale

29 marzo 2015 | 17.10
LETTURA: 5 minuti

Dal 29 al 31 maggio l'Italia si vestirà di ceramica con una 'tre giorni' a porte aperte dedicata a una delle migliori eccellenze artistiche e artigianali del Made in Italy. 37 le 'città della ceramica' interessate, per la prima edizione

alternate text

Dal 29 al 31 maggio l'Italia si vestirà di ceramica: 'Buongiorno Ceramica' è la tre giorni a porte aperte dedicata a una delle migliori eccellenze artistiche e artigianali del Made in Italy. 37 le 'città della ceramica' interessate, per la prima edizione di una kermesse che vedrà coinvolta una grande comunità di artisti in un mosaico di forme, smalti e colori che dipingeranno un'Italia bella e creativa.

L'evento, promosso dall'Aicc (Associazione italiana città della ceramica) in collaborazione con Artex (Centro per l'Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana) ha in programma più di 100 appuntamentiche saranno aperti al pubblico gratuitamente: "Tutti apriranno le porte di musei atelier, forni, botteghe per visite guidate alle collezioni - afferma Giuseppe Olmeti, direttore e coordinatore di Aicc - ci saranno mostre, dimostrazioni, corsi di tornio, decorazioni, laboratori e incontri coi maestri, piccoli concerti, performance d’artisti, fino a piccoli mercati, aperitivi, degustazioni di vini e prodotti tipici e animazioni che svilupperanno un indotto di creatività che coinvolgerà anche i più piccoli e i bambini".

La ceramica rappresenta una fetta di patrimonio storico e artistico che non si conosce ancora bene, e che nell'ultimo weekend di maggio si presenterà al pubblico in tutte le sue sfaccettature: "Tra gli obiettivi principali c'è quello di creare delle condizioni economiche favorevoli per gli artigiani - ha detto all'Adnkronos il presidente di Aicc, Stefano Collina - la crisi ha inciso in modo significativo sul nostro comparto e dal 2008 le cose sono cambiate".

"Il mercato oggi si è diversificato, molte aziende hanno saputo trovare nuove strade per stare sul mercato, come il design, che oggi copre una fetta importante del fatturato - ha proseguito Collina - con 'Buongiorno ceramica' abbiamo cercato di ritrovare un rapporto diretto con la clientela, con il turista così come con l'amante della ceramica. Negli ultimi anni abbiamo cercato di incentivare la ceramica attraverso le mostre mercato, e abbiamo colto la sensazione che in Italia ci fosse ancora spazio per la ceramica artistica".

Per quanto riguarda le statistiche economiche, il settore ceramico in Italia annovera, complessivamente, circa 1.000 imprese, anche se la maggior parte ha denunciato negli ultimi anni una diminuzione di fatturato: "Gli ultimi dati che abbiamo recuperato fanno riferimento a un'indagine condotta da Artex del 2005 e da quel momento abbiamo cercato di tenere monitorata la situazione sulla base dell'esperienza quotidiana delle città della ceramica - ha aggiunto Collina - dal 2008, a causa della crisi, la situazione si è complicata. In quanto al fatturato, l'ultimo dato approssimativo che abbiamo risale al 2006 e si aggira intorno ai 220.000 euro annui a impresa".

Importante, nel rilancio dell'artigianato italiano, sembra essere la comunicazione, come ha sottolineato Anty Pansera, nota storica e critica delle arti decorative e design: "In Italia, dagli stessi italiani, la ceramica purtroppo è molto sottovalutata, il patrimonio da preservare, da far conoscere e da valorizzare è davvero imponente e di valore. Patrimonio di competenze, poi, da rilanciare in un'ottica anche economica. Riuscire a mettere insieme per un progetto simile così numerose e sfaccettate realtà è un'ottima operazione. La ceramica deve trovare una sua voce, deve farsi conoscere".

'Buongiorno Ceramica' permetterà ai giovani artisti e designer di emergere grazie al coinvolgimento degli atelier e delle gallerie di settori più innovativi, come per esempio la gioielleria in ceramica, rappresentata da alcune artiste-designers tra le più importanti nel panorama italiano. Energia creativa ed estro artistico si troveranno così riuniti nella tre giorni dedicata al mondo della ceramica, in un programma che coinvolgerà tutta la penisola.

"Quanto ai programmi delle singole città tutte riunite in un'unica comune cornice d’insieme - ha precisato il vicedirettore di Artex Elisa Guidi - stanno arrivando già da molte città i palinsesti dei tanti appuntamenti previsti da ognuna. Fanno tutti perno sull’intersettorialità grazie all'intreccio tra ceramica, beni culturali, paesaggio, turismo ed enogastronomia. Penso per esempio, solo per citarne una, a 'FishArt U Pèscio' ad Albissola Marina, dove 50 artisti dipingeranno contemporaneamente un piatto in ceramica con tema il pesce, su un unico, lunghissimo tavolo di legno posto nel centro storico. Parallelamente sarà servito streetfood rigorosamente ligure".

Faenza, culla della ceramica, vedrà un esplicito abbinamento di ceramica ed enogastronomia, come ha raccontato Massimo Isola, assessore alla Cultura della città emiliana: "Nell'anno dell'Expo, è prevista una serie di talk e incontri con chef e ceramisti, alla scoperta di affascinanti connessioni tra ceramica e cibo, partendo da elementi comuni quali impasto, colore e forma. E stiamo preparando una sorpresa per domenica sera, ancora tra ceramica e cibo, a chiudere la tre giorni di eventi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza