cerca CERCA
Lunedì 16 Maggio 2022
Aggiornato: 21:23
Temi caldi

Enogastronomia: arriva la Città del gusto a Salerno

29 aprile 2015 | 09.36
LETTURA: 4 minuti

La nuova sede campana è destinata a diventare un fondamentale punto di riferimento per tutti gli attori della filiera agroalimentare, dai produttori ai consumatori, passando per gli operatori, i buyer, i tour operator e la stampa

alternate text
Paolo Cuccia, presidente di Gambero Rosso Holding

Arriva la sesta Città del gusto e arriva in Campania, dove si va al raddoppio. Dopo Napoli, tocca infatti a Salerno. Un’altra città di mare che ben rappresenta e racchiude la summa di eccellenze enogastronomiche che il territorio produce e consuma. Grazie infatti alla sua posizione strategica, la nuova sede salernitana è destinata a diventare un fondamentale punto di riferimento per tutti gli attori della filiera agroalimentare, dai produttori ai consumatori, passando per gli operatori, i buyer, i tour operator e la stampa.

Alla presentazione riservata alla stampa e agli imprenditori e operatori del settore, ha partecipato anche il presidente del Gambero Rosso Holding, Paolo Cuccia, oltre all’amministratore delegato di Città del gusto Salerno, Pietro Andreozzi.

“Se Città del gusto Napoli - sottolinea Pietro Andreozzi - ha aperto la strada per un’informazione corretta e completa su quanto di meglio il giacimento agroalimentare campano e non solo può offrire, la sede salernitana non sarà da meno. Promette infatti di proseguire nella mission ben delineata e fortemente voluta dai vertici della holding Gambero Rosso, che trova origine nella volontà di aprire verso un bacino di utenze sempre più ampio e fidelizzato”.

Una mission che trova la sua naturale declinazione nel proporre quanto, allo stato attuale, risponde alle richieste crescenti di un’offerta professionale e competente, con particolare riguardo alla formazione. "La strategia del Gambero Rosso - spiega Paolo Cuccia, presidente di Gambero Rosso Holding - è fondata sulla ricerca, comunicazione, promozione e formazione delle eccellenze italiane nel mondo. La unicità del format competitivo affida la crescita aziendale nei territori, nazionali e internazionali, a solide alleanze con imprenditori di prestigio. Per questo motivo, abbiamo accettato la disponibilità di Pietro Andreozzi e deciso di lanciare in Campania una seconda Città del gusto a Salerno".

Le peculiarità di Città del gusto Salerno saranno infatti le rinomate Scuole di cucina del Gambero Rosso, sia professionali, con corsi di aggiornamento e master dedicati, che amatoriali. Per questi ultimi Salerno offrirà, un ventaglio di proposte che oltre ai corsi di cucina - anche in versione junior per i più piccoli - propone anche corsi di degustazione di vino e birra e prodotti tipici e tradizionali.

I corsi saranno gestiti e tenuti dal team di chef del Gambero Rosso, ai quali di volta in volta si affiancheranno anche docenti 'esterni' italiani e internazionali. "Il tutto - sottolinea una nota - nell’ottica di un’offerta studiata per fornire una ampia lettura della professione che ricomprenda anche l’assimilazione di suggestioni internazionali e di tendenza. Con il plus di potersi avvalere del ricco patrimonio agroalimentare disponibile nel territorio e delle valide realtà imprenditoriali locali. Una sorta di network di informazione/formazione che certamente avrà il merito di sintetizzare in un unico ed efficace messaggio la molteplicità di spunti qualitativi offerti dalle eccellenze dell’area salernitana".

"Il polo di Salerno - prosegue la nota - si caratterizza anche per l’eleganza della struttura e dell’arredo, esprimendo una grande attenzione per il mondo del design in una sintesi perfetta di funzionalità ed estetica. Oltre 500 mq, tra vetro, gres, parquet, legno e tanto bianco; in estrema sintesi, un perfetto blend tra design e innovazione. I banchi sono quelli splendidi di Okite, un prodotto unico e appositamente studiato, resistentissimo grazie alla sapiente combinazione di quarzo, resina poliestere e pigmenti naturali".

"A una tecnologia di ultima generazione, firmata Asko, Kenwood e Liebherr, si affiancano, alle pareti, le suggestioni dei colori dell’inimitabile ceramica artistica vietrese dell’antica e nota azienda Solimene, la cui produzione è ancora oggi interamente realizzata a mano, così come vuole una traduzione più che centenaria. Una felice e riuscita commistione di passato e futuro per un effetto di forte appeal", sottolinea.

Città del gusto Salerno sarà inaugurata il 16 maggio e da quel momento prenderanno il via corsi, laboratori e degustazioni. Senza dimenticare che la sede salernitana sarà anche aperta ad eventi privati ai quali potrà garantire l’endorsement di una proposta gastronomica di alto livello.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza